Dati Covid in tempo Reale

All countries
263,756,444
Confermati
Updated on 2 December 2021 04:07
All countries
236,288,609
Ricoverati
Updated on 2 December 2021 04:07
All countries
5,242,124
Morti
Updated on 2 December 2021 04:07

Fase 2. Lopalco. Dobbiamo imparare a convivere con il virus. Messe? Ci vuole cautela

- Advertisement -

Agenpress – “Dobbiamo spiegare bene cosa significa ‘convivere con il virus’. Significa accettare che la curva epidemica riparta e che possa eventualmente esser rimessa sotto controllo con altre misure di restrizione”.

A dirlo è l’epidemiologo Pierluigi Lopalco, responsabile dell’emergenza in Puglia, intervenendo ad Agorà su Rai 3.

- Advertisement -

“Il problema comunicativo principale è dietro il termine: dobbiamo convivere col virus. Che significa? La gente lo ha capito? Significa accettare casi di infezione, casi che generino malattia e accettare che delle persone debbano andare in ospedale e essere curate”. Alla domanda su quale livello di casi di malattia possiamo considerare come ‘accettabile’, risponde: “non possono rispondere gli epidemiologi, io posso spiegare che significa. Sta alla politica stabilire il livello di circolazione accettabile del virus”. Ma non dobbiamo dimenticare, conclude, che “quando in Puglia nel bollettino comunichiamo 40 casi invece che 20 c’è una reazione isterica da parte di tutti, anche solo per 20 casi asintomatici”.

Sulla possibilità di andare in chiesa “bisogna essere cauti, non fare un divieto tout court ma studiare bene la situazione”. Si tratta, infatti, “di interpretare cosa significa: perché partecipare a una messa affollata e poi andare a casa, sono d’accordo che sia la stessa cosa che andare allo stadio. Ma pensare a una riapertura di chiese in cui entrano dieci persone per volta e si siedono distanziate fra loro, è un’altra”.

Un tema delicato, prosegue, anche perché implica “aspetti complessi come l’eucarestia: come si può fare in sicurezza? Non so se la Cei pensa a modificare il rito religioso pensando a misure per ridurre il rischio infettivo. Bisogna poi considerare  che le chiese sono frequentate soprattutto da persone anziane, che sono quelle che dobbiamo più proteggere”.

- Advertisement -

 

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati