Francia. L’addio dell’oncologo Axel Kahn malato di cancro. ”Ho poche settimane da vivere”

- Advertisement -

AgenPress – Il professor Axel Kahn, 76 anni,  ha annunciato di essere affetto da  un cancro incurabile, che è peggiorato di recente. Il presidente della Lega contro il cancro ha preso la decisione di lasciare tutte le sue funzioni, ma prima di passare il testimone deve “portare a termine tutta una serie di fondamentali riorganizzazioni” all’interno dell’associazione.

Il celebre genetista, che più volte si era opposto alle misure prese dal governo per combattere il coronavirus , ha approfittato di questa piattaforma per lanciare un messaggio di speranza. Axel Kahn afferma di essere stato “intensamente felice” durante la sua vita. “Che cos’è la felicità? È il momento in cui provi ciò che speravi di vivere, in cui c’è un’adeguatezza tra i tuoi sentimenti sulla tua vita e ciò che speravi”.

- Advertisement -

Venerdì 21 maggio 2021, il medico ha pubblicato una lettera straziante sul suo account Facebook. In questo testo intitolato Le bout du chemin , Axel Kahn evoca i suoi ultimi giorni di vita: “Morirò, presto. Qualsiasi trattamento con uno scopo curativo, o anche frenetico, è ormai irrilevante. Il dolore deve essere ragionevolmente alleviato. Tuttavia, sono come speravo di essere : completamente sereno”.

Il genetista non ha rimpianti. Axel Kahn ha sempre lavorato per gli altri durante la sua lunga carriera, divulgando opere scientifiche o attraverso il suo lavoro di ricercatore. A capo della Lega contro il cancro dal 2012, il medico è stato utile fino alla fine. “In Lega sento di aver fatto meglio. Anche il mio lavoro di trasmissione mi ha tenuto piuttosto impegnato. Non potevo fare di più. Sono passato dalla presidenza di una nazionale L’ufficio della Lega mattina in sala operatoria il pomeriggio. Quasi l’ideale “, ha scritto con calma.

“Bellissimi pensieri mi assalgono, quelli dei miei amori, dei miei figli, dei miei, dei miei amici, fiori e albe cristalline” , aggiunge poi, prima di congedarsi: “Così, sorridente e serena, vi saluto, amici.

“L ‘ atteggiamento verso la morte quando non è attuale è molto diverso a seconda degli esseri.
La maggior parte delle persone giovani ne esorcizza fino all’idea, il che rappresenta un’efficace misura di auto protezione. Questa spensieratezza della morte è appena iniziata dai lutti degli antichi, riposti in una categoria diversa dai vivi.
Alcuni al contrario vivono nel terrore della camicia che getta la sua ombra sulla loro intera vita.
I mestieri della morte (pompe funebri, becchini, notai…) la banalizzano e se ne dissociano in generale. Allo stesso modo i badanti e i medici. Sono in questo caso, la morte mi è abituale da così tanto tempo, non mi ossessiona.
Tuttavia, ho da tempo la curiosità di come sarà il mio atteggiamento davanti alla morte. C ‘ è ciò che si desidera che sia e ciò che è. Credenti sinceri che non dubitano del regno di Dio sono sopraffatti dal terrore quando si annuncia.
Questo non è il mio caso. Morirò presto. Ogni trattamento curativo o anche frenatore è ormai privo di oggetto. Resta ragionevolmente attenuato il dolore. Orbene, sono come speravo di essere: di totale serenità. Sorrido quando i miei colleghi medici mi chiedono se la prescrizione di un ansiolitico mi farebbe sentire meglio. Prego, in realtà non provo ansia. Né speranza – non faccio ancora l’ipotesi del buon Dio -, né angoscia. Un certo sollievo, piuttosto.
Secondo me limitare la vita al desiderio di non morire è assurdo. Ho scritto spesso, per esempio, che quando non camminerò più sarò morto. Ci sarà un po’ di ritardo visto che non sto camminando, ma sarà breve. Così, pensieri belli mi assalgono, quelli dei miei amori, dei miei figli, dei miei amici, dei fiori e delle albe cristalline. Quindi, esausto, sto bene.
Per questo ho dovuto riuscire a ′′ fare il mio dovere “, ad assicurarmi il colpo, a sdrammatizzare la mia scomparsa. Alla Lega sento di aver fatto del mio meglio. Anche il mio lavoro di trasmissione mi ha occupato molto. Non potevo fare di più. Sono passato dalla presidenza di un ufficio nazionale della lega la mattina alla sala operatoria il pomeriggio. Quasi ideale.
Quindi, sorridendo e rilassando, vi dico addio amici.
Axel il lupo.
- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati