Gb. La Corte d’Appello ordina di staccare la spina ad Archie, il 12enne in coma da mesi. “E’ nel suo interesse”

- Advertisement -

AgenPressUn tribunale britannico  ha rifiutato di impedire a un ospedale di interrompere le cure di supporto vitale per un ragazzo di 12 anni che ha subito un danno cerebrale catastrofico.

I genitori di Archie Battersbee si sono battuti senza successo nei tribunali per impedire al Royal London Hospital di spegnere il ventilatore del ragazzo e fermare altri interventi che lo stanno tenendo in vita. Sarebbe dovuto accadere lunedì, ma dopo che la famiglia ha fatto appello alle Nazioni Unite, il governo britannico ha chiesto alla Corte d’Appello di dare un’altra occhiata al caso.

- Advertisement -

Dopo un’udienza di emergenza, la corte ha affermato che non avrebbe prolungato la sospensione del ritiro del supporto vitale oltre mezzogiorno di martedì.

“Ogni giorno che (Archie) continua a ricevere cure di sostegno vitale è contrario ai suoi migliori interessi e, quindi, un soggiorno, anche per un breve periodo, è contro i suoi migliori interessi”, ha affermato il giudice Andrew McFarlane.

Il giudice ha affermato che le prove mediche hanno mostrato che “il sistema di Archie, i suoi organi e, in definitiva, il suo cuore sono in procinto di chiudersi. Le opzioni davanti al tribunale sono sempre state rigide”.

- Advertisement -

I genitori di Archie possono ancora chiedere alla Corte Suprema del Regno Unito se esaminerà il caso. Se fosse d’accordo, il termine sarebbe probabilmente prorogato di nuovo.

Archie è stato trovato privo di sensi a casa con una legatura sulla testa il 7 aprile. I suoi genitori credono che potrebbe aver preso parte a una sfida online che è andata storta. I medici ritengono che Archie sia morto nel tronco cerebrale e affermano che il trattamento continuo di supporto vitale non è nel suo migliore interesse.

Diversi tribunali britannici hanno concordato. L’udienza di lunedì è arrivata dopo che il Comitato delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità ha chiesto la continuazione delle cure in modo da poter esaminare il caso.

La madre di Archie, Hollie Dance, ha detto che medici e giudici non dovrebbero avere l’ultima parola sul trattamento di Archie.

“Archie è mio figlio. Non dovrebbe essere una decisione di nessun altro se non la nostra.”

Il caso è l’ultimo nel Regno Unito che ha contrapposto il giudizio dei medici alla volontà delle famiglie. In diversi casi, compreso questo, le famiglie sono state sostenute da un gruppo di pressione religioso, Christian Concern.

Secondo la legge britannica, è normale che i tribunali intervengano quando genitori e medici non sono d’accordo sul trattamento di un bambino. In questi casi, i diritti del bambino prevalgono sul diritto dei genitori di decidere cosa è meglio per la loro prole.

Alistair Chesser, direttore medico del Barts Health NHS Trust, che gestisce l’ospedale, ha affermato che “il piano per sospendere le cure procederà a meno che il tribunale non disponga diversamente”.

“Le nostre più sentite condoglianze vanno alla famiglia di Archie in questo momento difficile”. 

 

 

 

 

 

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati