Dati Covid in tempo Reale

All countries
347,310,571
Confermati
Updated on 22 January 2022 11:46
All countries
274,624,830
Ricoverati
Updated on 22 January 2022 11:46
All countries
5,604,886
Morti
Updated on 22 January 2022 11:46

Germania. Tribunale condanna all’ergastolo colonnello siriano, ha partecipato alla tortura di 4mila persone

- Advertisement -

AgenPress – Un tribunale tedesco ha condannato un colonnello siriano all’ergastolo per crimini contro l’umanità in un processo storico.

Anwar Raslan, 58 anni, è stato accusato di aver partecipato alla tortura di oltre 4.000 persone durante la guerra civile siriana in una prigione conosciuta come “Hell on Earth”.

- Advertisement -

Il processo di Coblenza è il primo procedimento penale al mondo portato avanti per la tortura guidata dallo stato in Siria.

Il capo dei diritti delle Nazioni Unite Michelle Bachelet ha elogiato la condanna come un “passo in avanti fondamentale” nella ricerca della verità.

È difficile immaginare cosa hanno dovuto sopportare gli uomini e le donne incarcerati nella famigerata prigione siriana di Al-Khatib.

- Advertisement -

Al centro, Raslan è stato accusato di essere un alto funzionario dei servizi di sicurezza sotto il presidente Bashar al-Assad poiché le proteste di massa contro il governo sono state represse violentemente nel 2011.

Molti manifestanti e altri sospettati di opporsi al regime sono stati arrestati e detenuti nella struttura di Al-Khatib a Damasco dove, secondo i pubblici ministeri, Raslan dirigeva le operazioni.

È stato accusato di 58 omicidi, stupro e aggressione sessuale e tortura di almeno 4.000 persone detenute lì tra il 2011 e il 2012.

La sentenza è significativa, soprattutto per coloro che sono sopravvissuti ad Al-Khatib e hanno testimoniato durante il processo. Un tribunale penale ha ora formalmente riconosciuto che i crimini contro l’umanità sono stati perpetrati dal regime di Assad contro i propri cittadini.

Raslan è stato arrestato in Germania nel 2019 dopo aver chiesto asilo con successo lì. Ha negato tutte le accuse contro di lui, dicendo che non aveva nulla a che fare con il maltrattamento dei prigionieri e che in realtà ha cercato di aiutare alcuni detenuti.

Il suo processo è stato straordinario per diversi motivi. È stato senza precedenti affrontare la tortura guidata dallo stato siriano ed è stato spinto dall’arrivo in Germania di centinaia di migliaia di siriani che erano fuggiti dal proprio paese.

Molti dei quasi 800.000 siriani che ora vivono in Germania hanno portato con sé storie terribili di ciò che è accaduto a coloro che si sono opposti al regime di Assad e gli avvocati tedeschi per i diritti umani hanno sostenuto la loro causa, utilizzando il principio della giurisdizione universale per portare il caso in tribunale. Ciò consente di processare altrove i crimini gravi commessi in un paese.

Cosa è successo ad Al-Khatib?

  • La struttura di detenzione sotterranea fa parte del “Branch 251” della General Security Directorate (GSD), una delle quattro principali agenzie di intelligence della Siria
  • Si compone di due edifici nella zona centrale di Al-Khatib a Damasco, secondo testimoni e disertori
  • Si presume che Anwar Raslan abbia supervisionato la tortura dei detenuti come capo della sezione investigativa della sezione 251 dall’aprile 2011, un mese dopo l’inizio della rivolta contro il presidente Assad, fino alla sua defezione nel settembre 2012.

Le  storie dei sopravvissuti sono orribili. La corte ha sentito come i detenuti sono stati picchiati e bagnati in acqua fredda. Altri sono stati violentati o appesi al soffitto per ore e ore. I torturatori si strappavano le unghie e somministravano scosse elettriche.

Un sopravvissuto ha riferito che poteva sentire le urla delle persone torturate tutto il giorno, tutti i giorni. Un altro che i suoi aggressori avevano usato “strumenti” speciali e che sembravano apprezzare quello che stavano facendo.

Bashar al-Assad ha fatto sapere che sta seguendo il processo, ma lui e il suo governo hanno ripetutamente negato le accuse di aver torturato o “usato la forza” con centinaia di migliaia dei suoi stessi cittadini.

Questo processo ha anche un altro scopo: costruire un corpus di prove da utilizzare in procedimenti futuri. Oltre alle testimonianze, i pubblici ministeri di Coblenza si sono basati su fotografie raccapriccianti fatte uscire di nascosto dalla Siria da un informatore del regime che mostrano i cadaveri di migliaia di persone che si ritiene siano morte nelle strutture di detenzione – molte delle quali sembra essere stato torturato.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati