Giappone e Vietnam hanno condannato gli attacchi dell’esercito russo ai civili in Ucraina

- Advertisement -
AgenPress – Il primo ministro giapponese Fumio Kishida e il suo omologo vietnamita Pham Ming Chin hanno condannato gli attacchi alla popolazione civile in Ucraina e le minacce della Russia di utilizzare armi di distruzione di massa.

 Lo riferisce Ukrinform.

Il primo ministro Kisida ha sottolineato che in seguito ai colloqui ad Hanoi, entrambe le parti hanno convenuto sull’importanza di un cessate il fuoco immediato in Ucraina e sugli aiuti umanitari, aggiungendo che “si oppongono fermamente alle minacce, all’uso di armi di distruzione di massa e agli attacchi ai civili”.

- Advertisement -

Il primo ministro Chin, a sua volta, ha riaffermato: “Siamo impegnati a rafforzare i legami per mantenere la pace e la stabilità nella regione”.

I due primi ministri si sono anche opposti al cambiamento dello status quo nel Mar Cinese Meridionale e hanno discusso una serie di questioni regionali, tra cui il programma missilistico nucleare della Corea del Nord e la situazione in Myanmar.

Mentre il Giappone prende una linea dura nei confronti della Russia insieme ad altri paesi del G7 nel suo attacco all’Ucraina del 24 febbraio, Kishida cerca di espandere la cooperazione con i membri dell’Associazione delle nazioni del sud-est asiatico, la maggior parte dei quali si è finora schierata con le sanzioni contro Mosca.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati