Giappone. Morta la donna più anziana del mondo, aveva 119 anni. Vivente una suora di 118 anni

- Advertisement -

AgenPress – Kane Tanaka, è morta all’età di 119 anni, pochi mesi prima del suo obiettivo di raggiungere i 120.

Nato il 2 gennaio 1903, Tanaka amava giocare al gioco da tavolo Otello e aveva un debole per il cioccolato e le bevande gassate. È stata certificata dal Guinness World Records come la persona vivente più anziana nel 2019 quando aveva 116 anni. In occasioni sui media, ha detto che si stava ancora godendo la vita e sperava di vivere fino a 120 anni.

- Advertisement -

Tanaka è morta di vecchiaia il 19 aprile in un ospedale di Fukuoka, la sua città natale nel sud del Giappone, dove ha trascorso tutta la sua vita, hanno detto martedì i funzionari della città. Tanaka, che aveva vissuto in una casa di cura, è entrata e uscita dall’ospedale solo di recente. 

Fukuoka Gov. Seitaro Hattori ha dichiarato  di essere scioccato e rattristato dalla sua perdita mentre non vedeva l’ora di celebrare il rispetto per l’anziano giorno entro la fine dell’anno di persona davanti a cioccolato e bevande gassate, poiché l’anno scorso ha dovuto perdere l’occasione a causa della pandemia.

“Potevo vederla solo in una foto che la mostrava con il bouquet e facendo un segno di ‘pace’ (con le dita), ma questo mi ha tirato su il morale”, ha detto Hattori. “Ha dato alla gente la speranza di una vita lunga e sana”.

- Advertisement -

Con la sua morte, l’essere umano più anziano del mondo è ora Lucile Randon, una suora francese conosciuta come Sister Andre, di 118 anni, secondo il The Gerontology Research Group. In Giappone, il nuovo detentore del record è una donna di 115 anni Fusa Tatsumi, di Osaka, ha detto il ministero della salute giapponese.

Il Giappone, la cui popolazione sta invecchiando e diminuendo rapidamente, aveva 86.510 centenari, il 90% dei quali donne, secondo gli ultimi dati del ministero.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati