Giappone. Shinzo Abe ucciso con arma artigianale da ex militare. “Ho mirato per ucciderlo”

- Advertisement -

AgenPress – “Ero frustato e insoddisfatto di Shinzo Abe, ho mirato per ucciderlo”. Queste le parole del 41enne Tetsuya Yamagami che ha sparato all’ex premier giapponese, secondo quanto ha riferito la polizia nipponica citata dalla tv Nhk.

L’uomo  nutriva “rancore” nei confronti di una “organizzazione” a cui pensava fosse legato l’ex premier giapponese. Ed è per questo che gli avrebbe sparato. Lo ha reso noto la polizia. “Il sospetto ha dichiarato di nutrire rancore nei confronti di una particolare organizzazione e di aver commesso il crimine perché credeva che l’ex primo ministro Abe avesse un legame” con tale organizzazione, è stato riferito senza ulteriori dettagli.

- Advertisement -

Ex militare di 41 anni, l’uomo che ha assassinato il politico che ha rotto il tabù della potenza bellica giapponese non sembra essere un attivista politico. Viveva in un appartamento qualunque nella città di Nara e aveva lasciato il lavoro a maggio per motivi di salute.

Tetsuya Yamagami ha detto di aver usato un’arma artigianale. Lo ha riferito la polizia della prefettura di Nara aggiungendo di aver trovato diverse armi artigianali come quella usata per l’omicidio in casa.

“Non ho mai sentito che avesse convinzioni politiche e non riesco in alcun modo a collegarlo all’attacco”, ha raccontato un conoscente. Yamagami frequentò una scuola superiore pubblica nella prefettura di Nara e scrisse nel suo annuario di “non avere la più pallida idea” di cosa volesse fare in futuro. Risulta che l’uomo abbia prestato servizio nella Marina della Forze di Autodifesa (le forze armate di Tokyo) per due anni e nove mesi fino al 2005 presso la base di Kure, nella prefettura di Hiroshima.

- Advertisement -

Nell’autunno del 2020 aveva iniziato a lavorare in un’azienda manifatturiera nella regione del Kansai. Non risultano segnalazioni di problemi sulla sua condotta ma nell’aprile di quest’anno Yamagami ha comunicato di voler abbandonare il lavoro perché “stanco”, cosa che ha fatto il mese successivo.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati