Giustizia. Ingiusta detenzione. In 3 anni azioni disciplinari contro 50 giudici, nessuna condanna

- Advertisement -

AgenPress – Nel triennio 2019 – 2021 sono state promosse azioni disciplinari per scarcerazioni intervenute oltre i termini di legge nei confronti di 50 giudici. Ma nessuno di questi procedimenti si è per ora concluso con una condanna, anche se non tutti sono già stati definiti: 27 sono ancora in corso.

In nove casi la Sezione disciplinare del Csm ha emesso una sentenza di assoluzione. Altri 14 sono stati chiusi con la formula di “non doversi procedere”. E’ quanto si evince dalla Relazione annuale sulle “Misure cautelari personali e riparazione per ingiusta detenzione – 2021” che il ministero della Giustizia ha presentato al Parlamento.

- Advertisement -

Ad avviare i procedimenti con la contestazione di ritardi nella scarcerazione, è stato quasi sempre il ministro della Giustizia, che ha promosso 45 iniziative. Solo in 5 casi si è mosso il Procuratore generale della Cassazione, che con lui condivide la titolarità dell’azione disciplinare.

Dei 5 promossi l’anno scorso 3 sono stati definiti (2 con l’assoluzione e uno con l’ordinanza di non doversi procedere), mentre 2 sono ancora in corso. Sono tutti pendenti anche tutti i 21 procedimenti avviati nel 2020. Nella Relazione al Parlamento il ministero della Giustizia chiarisce come il riconoscimento del diritto alla riparazione per ingiusta detenzione “non è di per sé, indice di sussistenza di responsabilità disciplinare a carico dei magistrati che abbiano richiesto, applicato e confermato il provvedimento restrittivo risultato ingiusto”.

 

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati