Guerra in Ucraina. McDonald’s lascia la Russia. Catena venduta ad acquirente locale

- Advertisement -

AgenPress – McDonald’s ha annunciato lunedì che starà vendendo le sue attività in Russia, affermando che “la crisi umanitaria causata dalla guerra in Ucraina e il precipitare dell’ambiente operativo imprevedibile, hanno portato McDonald’s a concludere che la continua proprietà dell’attività in Russia non è più sostenibile, né lo è coerente con i valori di McDonald’s.

La catena di hamburger è diventata il simbolo della glasnost in azione più di 30 anni fa quando ha aperto il suo primo ristorante a Mosca.

Ma dopo aver chiuso temporaneamente più di 800 ristoranti in Russia, McDonald’s ha deciso di lasciare del tutto il Paese, secondo  un comunicato .

- Advertisement -

“Dopo oltre 30 anni di attività nel paese, McDonald’s Corporation ha annunciato che uscirà dal mercato russo e ha avviato un processo per vendere le sue attività russe. Ciò segue l’annuncio di McDonald’s l’ 8 marzo 2022 , di aver temporaneamente chiuso i ristoranti in Russia e sospeso le operazioni sul mercato.

La crisi umanitaria causata dalla guerra in Ucraina e il precipitoso ambiente operativo imprevedibile hanno portato McDonald’s a concludere che la continua proprietà dell’attività in Russia non è più sostenibile, né è coerente con i valori di McDonald’s.

Come parte della decisione di McDonald’s di uscire, la Società sta perseguendo la vendita dell’intero portafoglio di ristoranti McDonald’s in Russia a un acquirente locale. La Società intende avviare il processo di “de-archivatura” di quei ristoranti, che implica il non utilizzare più il nome, il logo, il marchio e il menu di McDonald’s, sebbene la Società continuerà a mantenere i propri marchi in Russia . Le priorità di McDonald’s includono cercare di garantire che i dipendenti di McDonald’s Russia continuino a essere pagati fino alla chiusura di qualsiasi transazione e che i dipendenti abbiano un impiego futuro con qualsiasi potenziale acquirente.

- Advertisement -

Il presidente e amministratore delegato di McDonald’s, Chris Kempczinski , ha dichiarato: “Abbiamo una lunga storia nello stabilire radici locali profonde ovunque risplendano gli Arches. Siamo eccezionalmente orgogliosi dei 62.000 dipendenti che lavorano nei nostri ristoranti, insieme alle centinaia di fornitori che supportano la nostra attività e i nostri affiliati locali. La loro dedizione e lealtà nei confronti di McDonald’s rendono estremamente difficile l’annuncio di oggi. Tuttavia, abbiamo un impegno nei confronti della nostra comunità globale e dobbiamo rimanere saldi nei nostri valori. E il nostro impegno nei confronti dei nostri valori significa che noi non può più far brillare gli archi lì.”

I ristoranti McDonald’s in Ucraina rimangono chiusi mentre la Società continua a pagare gli stipendi pieni per i suoi dipendenti nel paese e continua a sostenere gli sforzi di soccorso locali guidati da Ronald McDonald House Charities. In tutta Europa , il sistema McDonald’s sostiene i rifugiati ucraini attraverso donazioni di cibo, alloggi e lavoro.

Come risultato della sua uscita dalla Russia , la Società prevede di registrare un addebito, che è principalmente non in contanti, di circa $ 1,2 -1,4 miliardi per cancellare il suo investimento netto nel mercato e riconoscere significative perdite di conversione di valuta estera precedentemente registrate negli azionisti ‘ equità”. 

Come parte della decisione, la catena sta perseguendo la vendita dell’intero portafoglio di ristoranti McDonald’s in Russia a un acquirente locale.

Queste misure includono la garanzia che i dipendenti di McDonald’s Russia continuino a essere pagati, oltre ad avere un lavoro futuro.

 

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati