Haiti. Uccisa Suor Luisa dell’Orto. La sua vita al servizio dei bambini. Il dolore del Papa

- Advertisement -

AgenPress –  Suor Luisa Dell’Orto, uccida ad Haiti, aveva scritto una lettera in occasione della Pasqua a parenti e a conoscenti della comunità di Lomagna (Lecco) di cui era originaria, esprimendo la sua preoccupazione per la situazione di violenza generale nel Paese caraibico.

Nella comunità della zona la notizia della sua morte sta ha generato dolore e sconcerto. Secondo quanto saputo dai residenti, risulta che la religiosa, appartenente all’ordine delle Piccole Sorelle del Vangelo, si trovasse in auto e sia stata avvicinata da malviventi che hanno sparato almeno tre colpi verso l’auto uccidendola all’istante. E’ però una ricostruzione ancora da verificare con precisione. Suor Luisa si trovava a Port-au-Prince, missione in cui operava dal 2002, nel centro “Kay Chal”, che accoglie centinaia di giovani dalle città disagiate. Alla religiosa, in provincia di Lecco era stato anche assegnato il premio “Fumagalli-Cazzaniga” di Casatenovo.

- Advertisement -

“Desidero esprimere la mia vicinanza ai familiari e alle consorelle di suor Lucia Dell’Orto, piccola sorella del Vangelo di Charles De Foucauld, uccisa ieri a Port-au-Prince, capitale di Haiti”. Così il Papa all’Angelus.

“Da vent’anni suor Lucia viveva là, dedita soprattutto al servizio dei bambini di strada. Affido a Dio la sua anima e prego per il popolo haitiano, specialmente per i piccoli, perché possano avere un futuro più sereno, senza miseria e senza violenza”. “Suor Lucia ha fatto della sua vita un dono per gli altri, fino al martirio”.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati