Hong Kong. 1000 attivisti in carcere, democrazia repressa, ma Xi Jinping usa toni trionfanti

- Advertisement -

AgenPress – Xi Jinping venerdì ha affermato che la “vera democrazia” è iniziata a Hong Kong 25 anni fa, quando la Cina ha assunto il controllo, celebrando un anniversario simbolico per la città in realtà trasformata dalla sua repressione politica.

“Dopo il suo ritorno in madrepatria, i compatrioti di Hong Kong sono diventati padroni dei propri affari, la gente di Hong Kong ha amministrato Hong Kong con un alto grado di autonomia, e quello è stato l’inizio della vera democrazia a Hong Kong”, ha detto Xi in un discorso programmatico ai funzionari di Hong Kong per celebrare il 25° anniversario della consegna.
Nel 2020, un anno dopo che le proteste antigovernative avevano scosso Hong Kong, Pechino ha imposto un’ampia legge sulla sicurezza nazionale alla città un tempo a ruota libera. Due anni dopo, nessun legislatore dell’opposizione è rimasto nella legislatura di Hong Kong, mentre quasi tutte le sue figure di spicco a favore della democrazia, inclusi attivisti e politici, sono state costrette all’esilio o incarcerate, con dozzine di loro dietro le sbarre.
Nel suo discorso, Xi ha toccato un tono trionfante, dichiarando che Hong Kong aveva “messo fine al caos e alla violenza” ed era pronta a “sfondare nuovi orizzonti e fare un nuovo balzo in avanti” nei prossimi cinque anni.
Ha anche sottolineato che Hong Kong deve essere governata da “patrioti”, vale a dire quelli fedeli al Partito Comunista al potere.
“È una regola universale nel mondo che il potere politico debba essere nelle mani dei patrioti. Nessun paese o regione al mondo permetterà a forze e figure non patriottiche o addirittura traditrici o traditrici di prendere il potere”, ha aggiunto Xi Jinping. 
Alla cerimonia, Xi ha giurato su John Lee, un ex poliziotto diventato capo della sicurezza, come nuovo leader di Hong Kong, in sostituzione dell’amministratore delegato uscente Carrie Lam.
Lee, che è diventato il volto della legge sulla sicurezza nazionale dopo aver supervisionato gli arresti di dozzine di attivisti e i raid nelle redazioni, ha esposto la sua visione per un “nuovo capitolo per Hong Kong”. Ha affermato che la città è libera e avanzata come lo è sempre stata e ha promesso di continuare il suo sviluppo, concentrandosi su una maggiore integrazione con la Cina continentale.
Per i politici e gli attivisti pro-democrazia che sono fuggiti da Hong Kong, l’anniversario è un evento toccante da guardare da lontano.
L’ex deputato Ted Hui, che ha lasciato la città per l’Australia mentre era su cauzione per quelle che dice essere accuse motivate politicamente, ha dichiarato venerdì in un post su Facebook che la rabbia nel suo cuore “non si è mai spenta”.
“Mi sento così forte per Hong Kong come se non me ne fossi mai andato: non posso lasciare andare il posto che amo e non posso lasciare andare i miei compagni in prigione”, ha scritto.
“Hong Kong ha attualmente più di 1.000 prigionieri politici, oltre a un sistema giudiziario distrutto dalla malvagia legge sulla sicurezza nazionale, così come l’annientamento totale della stampa libera e della società democratica”, ha detto Hui.
Un altro ex legislatore Nathan Law, fuggito nel Regno Unito nel 2020, ha affermato che l’Hong Kong che conosceva una volta era diventata irriconoscibile.
“Esistiamo nelle lotte e tra le crepe: siamo partiti per andare verso una Hong Kong promessa e ideale. Dopo esserci allontanati, guardiamo indietro alla città che conserva la sua facciata glamour, ma questa ‘nuova Hong Kong’ ha perso le sue risonanze , desideriamo ancora tornare [alla nostra vecchia Hong Kong]”, ha detto giovedì il 28enne in un post su Facebook.
Il primo ministro britannico Boris Johnson ha dichiarato giovedì che il Regno Unito sta facendo “tutto il possibile” per mantenere la Cina nei suoi impegni su “un paese, due sistemi” a Hong Kong.
“Ma nel 25° anniversario del passaggio di consegne, semplicemente non possiamo evitare il fatto che da qualche tempo Pechino non rispetta i suoi obblighi. È una situazione che minaccia sia i diritti e le libertà degli hongkonghesi che la continua progresso e prosperità della loro casa”, ha detto Johnson in una dichiarazione video.
- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati