Dati Covid in tempo Reale

All countries
335,840,617
Confermati
Updated on 19 January 2022 14:38
All countries
269,275,370
Ricoverati
Updated on 19 January 2022 14:38
All countries
5,575,724
Morti
Updated on 19 January 2022 14:38

Hong Kong. 200 agenti fanno irruzione in un giornale pro-democrazia e arrestano sei dirigenti e la pop star Denise Ho

- Advertisement -

AgenPress – La polizia di sicurezza nazionale di Hong Kong ha arrestato sei persone associate al media pro-democrazia Stand News – tra cui la pop star Denise Ho – e ha fatto irruzione nel suo ufficio, sollevando ulteriori preoccupazioni sulla diminuzione della libertà di stampa in città.

Un avviso del governo  ha affermato che gli ufficiali hanno arrestato sei membri attuali ed ex senior dello staff di “una società di media online” per “cospirazione per la pubblicazione di pubblicazioni sediziose”.
“Tra gli arrestati c’erano tre uomini e tre donne, di età compresa tra 34 e 73 anni. Sono in corso le perquisizioni nelle rispettive residenze”, si legge nel comunicato, senza identificare le persone o l’azienda.
In una dichiarazione separata, il governo ha affermato che 200 agenti della polizia di sicurezza nazionale hanno fatto irruzione in una redazione nell’area di Kwun Tong, sequestrando materiale giornalistico.
L’Associazione dei giornalisti di Hong Kong (HKJA) poco dopo ha confermato elencando i nomi degli arrestati.
Gli arresti arrivano alla fine di un anno turbolento per la libertà di stampa a Hong Kong , che si definisce “la città mondiale dell’Asia” e una volta si vantava di essere il principale centro mediatico internazionale della regione.
Il panorama dei media un tempo vibrante della città si è inaridito da quando Pechino ha imposto un’ampia legge sulla sicurezza nazionale alla città nel 2020, che ha portato alla chiusura del quotidiano pro-democrazia Apple Daily all’inizio di quest’anno.
“L’Associazione dei giornalisti di Hong Kong è profondamente preoccupata per il fatto che la polizia abbia ripetutamente arrestato membri di alto livello dei media e perquisito gli uffici di organizzazioni di notizie contenenti grandi quantità di materiale giornalistico entro un anno”, ha detto mercoledì l’HKJA in una nota, aggiungendo che ha esortato il governo a “tutelare la libertà di stampa in conformità con la Legge fondamentale”, la costituzione di fatto della città dal 1997.
L’associazione ha aggiunto che anche Ronson Chan Ron-sing, vicedirettore di Stand News e presidente di HKJA, è stato “portato via dalla polizia”.
Stand News aveva pubblicato un video della polizia che arrivava a casa di Chan per un raid mercoledì mattina. 
L’HKJA ha continuato a parlare in difesa della libertà di stampa, nonostante le critiche da parte dei funzionari di Hong Kong e dei media statali cinesi.
Le ultime azioni della polizia sono arrivate poche ore dopo che l’HKJA ha ospitato la sua cena annuale martedì, che era stata ritardata di oltre un anno a causa delle restrizioni del coronavirus.
“Sappiamo che la posta in gioco è alta, ma la libertà di stampa è stata la spina dorsale del successo di Hong Kong”, ha detto Chan in un discorso alla cena. “Hong Kong avrà sempre bisogno della verità e dei giornalisti. Non importa quanto difficile sarà la strada da percorrere, l’associazione si adopererà per non fallire mai”.
Tra i sei arrestati c’era la pop star cantonese e l’attivista pro-democrazia di spicco Denise Ho.È stata arrestata a casa sua alle 6 del mattino, ha confermato alla CNN Business la sua assistente, che ha chiesto di non essere nominata.
Ho è stato precedentemente nel consiglio di amministrazione di Stand News. La polizia ha trascorso più di due ore a casa della cantante e ha sequestrato telefoni e computer, nonché la sua carta d’identità e il passaporto, ha detto il suo assistente alla CNN Business.
.
Altri arrestati includono Margaret Ng, ex deputata a favore della democrazia e avvocato di spicco, l’ex caporedattore di Stand News Chung Pui-kuen e il caporedattore ad interim Patrick Lam, secondo l’HKJA.
Fondato dopo le manifestazioni guidate dagli studenti a Hong Kong nel 2014, Stand News è salito alla ribalta durante le proteste per la democrazia della città nel 2019 con la sua copertura delle ultime notizie e gli editoriali e gli articoli di opinione che colpiscono duramente.
È il secondo media indipendente preso di mira dalla legge sulla sicurezza nazionale, dopo l’Apple Daily, che è stato chiuso a giugno dopo che centinaia di agenti di polizia hanno fatto irruzione nel suo ufficio, arrestato dirigenti e congelato i suoi beni con l’accusa di sicurezza nazionale.
- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati