Dati Covid in tempo Reale

All countries
261,625,415
Confermati
Updated on 28 November 2021 17:02
All countries
234,540,120
Ricoverati
Updated on 28 November 2021 17:02
All countries
5,216,071
Morti
Updated on 28 November 2021 17:02

Hong Kong. Incitamento alla secessione. 5 anni e 9 mesi a Ma Chun-man, famoso come “Captain America”

- Advertisement -

AgenPress . L’attivista di Hong Kong noto come Capitan America 2.0 per aver tenuto lo scudo del supereroe durante i raduni è stato incarcerato per quasi sei anni ai sensi della controversa legge sulla sicurezza nazionale.

Ma Chun-man è stato condannato per incitamento alla secessione cantando slogan che promuovono l’indipendenza di Hong Kong dalla Cina.

- Advertisement -

Ma è la seconda persona ad essere incarcerata secondo la legge, approvata nel 2020 dopo le proteste dell’anno precedente.

Riduce l’autonomia di Hong Kong e rende più facile punire gli attivisti.

Pechino insiste sul fatto che la legislazione ampiamente criticata è necessaria per portare stabilità alla città, ma i critici affermano che è progettata per schiacciare il dissenso a Hong Kong.

- Advertisement -

Il caso contro Ma, 31 anni, si è basato sugli slogan che ha cantato alle manifestazioni, sui cartelli che ha tenuto e sulle interviste che ha rilasciato ai media.

Giovedì, un tribunale di Hong Kong lo ha condannato a cinque anni e nove mesi di carcere, con il giudice che ha accusato Ma di non mostrare alcun rimorso.

In una lettera al giudice letta prima della sua condanna, Ma ha detto: “Non provo alcun rimpianto”, ha riferito l’agenzia di stampa Reuters.

“Sulla mia strada verso la democrazia e la libertà, non posso permettermi di essere un codardo”. 

Uno degli avvocati di Ma, Chris Ng, ha detto ai giornalisti che non era sicuro che ci sarebbe stato un appello.

Ad Hong Kong le proteste sono scoppiate nel 2019 per una proposta di legge che avrebbe reso più facile per la Cina l’estradizione dei residenti nel continente. Le manifestazioni si sono evolute in un più ampio movimento a favore della democrazia che è continuato nel 2020.

La legge sulla sicurezza nazionale è stata vista da molti come una risposta di Pechino al movimento di protesta e un mezzo per rendere più facile per la Cina arrestare i dissidenti.

Le autorità di Hong Kong hanno arrestato 117 persone ai sensi della legge l’anno successivo alla sua approvazione e ne hanno accusate più di 60, tra cui politici democratici, attivisti, giornalisti e studenti.

Altri sono stati accusati nei mesi successivi, inclusi membri di un gruppo noto per aver organizzato la famosa veglia annuale della città per le vittime della micidiale repressione di piazza Tienanmen del 1989.

Il primo processo ai sensi della legge si è svolto all’inizio di quest’anno e si è concluso con Tong Ying-kit, un ex cameriere, riconosciuto colpevole di incitamento alla secessione e al terrorismo. È stato condannato a nove anni di carcere.

Tong ha guidato una moto contro gli agenti di polizia mentre sventolava una bandiera con uno slogan di protesta.

A differenza di quel primo processo, il caso contro Ma non ha comportato alcuna accusa di violenza: è stato processato solo sulla base di atti di parola.

Gli slogan che Ma avrebbe cantato includevano “Hong Kong liberata, rivoluzione dei nostri tempi” e “indipendenza di Hong Kong, l’unica via d’uscita”.

Amnesty International ha definito la sua sentenza “oltraggiosa”.

“Il governo di Hong Kong deve smettere di espandere all’infinito la sua definizione di ‘mettere in pericolo la sicurezza nazionale’ come mezzo per rinchiudere le persone che esprimono opinioni che non gli piacciono”, ha affermato il vice segretario generale di Amnesty Kyle Ward.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati