Hong Kong. “Nonna Wong”, 66 anni, attivista pro democrazia condannata a 8 mesi di carcere

- Advertisement -

AgenPressAlexandra Wong, 66 anni, popolarmente conosciuta come “Nonna Wong”, era una presenza regolare alle proteste tre anni fa, di solito sventolando una bandiera britannica della Union Jack.

I pubblici ministeri l’hanno accusata di aver partecipato a due assemblee illegali l’11 agosto 2019 e di aver gridato “parole offensive”, aggiungendo che il suo sbandierare e i suoi slogan incoraggiavano un raduno illegale.

- Advertisement -

Il magistrato principale Adam Yim ha incarcerato Wong per otto mesi adducendo “l’entità e l’interruzione dell’ordine sociale” delle proteste per la democrazia.

L’aver partecipato alle proteste è una delle accuse principali utilizzate dai pubblici ministeri contro i partecipanti alle grandi e talvolta violente manifestazioni democratiche che hanno sconvolto Hong Kong per mesi nel 2019.

Più di 2.800 persone sono state perseguite per reati legati alle proteste, mentre una legge sulla sicurezza imposta da Pechino nel 2020 ha effettivamente criminalizzato il dissenso a Hong Kong.

- Advertisement -

Wong all’inizio di quest’anno si è dichiarata non colpevole, ma ha cambiato motivo mercoledì, il primo giorno del processo.

 Wong  ha criticato il governo di Hong Kong definendolo un “regime autoritario”.

Ha anche ribadito una precedente affermazione secondo cui era stata interrogata e detenuta da agenti di sicurezza nella Cina continentale per quasi 14 mesi ed era stata costretta a confessare scritte e filmate.

Wong era scomparsa a metà delle proteste del 2019. Successivamente è riapparsa dicendo di essere stata intercettata durante un viaggio di ritorno a Shenzhen, la città continentale vicino a Hong Kong. 

Ha affermato di essere stata trattenuta in strutture di detenzione sulla terraferma, portata in un “viaggio patriottico” e de facto agli arresti domiciliari fino a quando non le è stato permesso di tornare a Hong Kong.

Ad aprile, Wong è stato condannato per aver ostacolato un agente di polizia in un caso separato e condannato a sei giorni di carcere con una sospensione di 18 mesi. 

Nel luglio dello scorso anno, è stata condannata a un mese di carcere dopo essere stata dichiarata colpevole di aver aggredito una guardia di sicurezza nella lobby dell’Alta Corte nel gennaio 2019.

La sua incarcerazione è avvenuta il giorno dopo che un tribunale di Hong Kong ha condannato Koo Sze-Yiu, 75 anni, a nove mesi di carcere un attivista con un cancro al quarto stadio per il suo tentativo di protestare contro le Olimpiadi di Pechino.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati