Hong Kong. Proteste contro Olimpiadi Pechino. 9 mesi di galera per l’attivista Koo Sze-Yiu, 75 anni

- Advertisement -

AgenPressLe autorità di Hong Kong hanno condannato a nove mesi di carcere un attivista con un cancro al quarto stadio per il suo tentativo di protestare contro le Olimpiadi di Pechino.

Koo Sze-Yiu, 75 anni, è stato arrestato dalla polizia a febbraio prima che potesse svolgere una manifestazione solitaria contro la Cina.

- Advertisement -

L’attivista veterano aveva programmato di esporre una bara con slogan fuori dall’ufficio di collegamento di Pechino il primo giorno dei Giochi invernali. È stato accusato di sedizione.

Koo ha detto alla polizia di aver preparato una bara di scena coperta da slogan come “la democrazia e i diritti umani sono al di sopra delle Olimpiadi invernali”. Ha anche definito la legge sulla sicurezza imposta da Pechino un atto legislativo “malvagio” e ha scritto lo slogan “Termina la dittatura di un partito” su qualche tessuto, una frase che secondo il governo equivaleva a “sovvertire il potere statale” lo scorso ottobre.

L’accusa prevede una pena detentiva massima di due anni. Il tribunale lo ha condannato a nove mesi, ma Koo ha detto che avrebbe impugnato la sentenza.

- Advertisement -

La polizia ha detto che Koo aveva pianificato di tenere una bara e cartelli recanti messaggi tra cui: “Democrazia e diritti umani sono al di sopra delle Olimpiadi invernali”.

Il giudice Peter Law ha affermato che quelle azioni costituivano una minaccia alla sicurezza nazionale, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa indipendente Hong Kong Free Press.

Koo dovrebbe essere idoneo per il rilascio anticipato il mese prossimo, secondo il sito di notizie SCMP, poiché è stato incarcerato da febbraio. È stato arrestato per il suo attivismo politico quasi una dozzina di volte prima.

È l’ultimo attivista condannato a Hong Kong, che negli ultimi mesi ha visto condannati numerosi attivisti pro-democrazia, molti dei quali sono stati accusati di aver infranto la controversa legge sulla sicurezza nazionale (NSL).

La frase che Koo ha scritto per deridere la legge sulla sicurezza nazionale “ha indubbiamente indebolito la fiducia delle persone nell’amministrazione giudiziaria”, ha affermato Law. Ha aggiunto che, sebbene negli ultimi anni Hong Kong sia tornata alla stabilità in seguito a “eventi illegali collettivi su larga scala”, le emozioni delle persone non si sono ancora “stabilizzate”. Ha detto che la manifestazione pianificata di Koo potrebbe innescare di nuovo malcontento contro i governi centrale e di Hong Kong.

Il magistrato principale ha anche sottolineato i tempi del reato, poiché Koo ha programmato la sua manifestazione intorno all’apertura dei giochi invernali del 2022. Law ha detto che Pechino stava affrontando “ampie critiche” all’estero in quel momento, con alcune chiamate di boicottaggio. Sebbene Koo non fosse direttamente collegato agli individui o ai gruppi che si oppongono alla Cina, la sua protesta pianificata avrebbe “accresciuto slancio” e “echeggiato” tali critiche, ha stabilito Lee.

Law ha descritto Koo come un “manifestante veterano” e ha affermato di aver speso denaro e sforzi per prepararsi alla protesta. Koo “non vedeva davvero l’ora di diffondere i suoi messaggi” e “sperava che alcune persone si unissero”, ha detto. “La bara ha anche aggiunto un insulto, mentre l’invito alla stampa mostrava che [Koo] voleva diffondere il suo messaggio attraverso i media”, ha detto Law, aggiungendo che, quando la polizia ha effettuato l’arresto, “tutto era già a posto”.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati