Dati Covid in tempo Reale

All countries
367,057,164
Confermati
Updated on 28 January 2022 08:56
All countries
288,188,218
Ricoverati
Updated on 28 January 2022 08:56
All countries
5,657,323
Morti
Updated on 28 January 2022 08:56

I comunisti cinesi contro la democrazia degli Stati Uniti. “Non porta felicità ma disastro agli elettori”

- Advertisement -

AgenPress – Il Partito Comunista Cinese ha criticato aspramente il vertice sulla democrazia globale ospitato dal presidente Joe Biden la prossima settimana ed esaltando le virtù del suo sistema di governo.

I funzionari del partito si sono chiesti come un paese polarizzato che ha “pasticciato” la sua risposta al COVID-19 possa insegnare agli altri e hanno affermato che gli sforzi per costringere gli altri a copiare il modello democratico occidentale sono “destinati a fallire”.

- Advertisement -

La pandemia ha fatto vedere i difetti del sistema americano, ha affermato Tian Peiyan, vicedirettore dell’Ufficio di ricerca politica del Partito comunista. Ha incolpato l’alto bilancio delle vittime di COVID-19 negli Stati Uniti alle controversie politiche e a un governo diviso dai livelli più alti a quelli più bassi.

- Advertisement -

Né la Cina né la Russia sono tra i circa 110 governi che sono stati invitati al “Summit for Democracy” virtuale di due giorni di Biden, che inizia giovedì e affronterà il rafforzamento della democrazia, la difesa contro l’autoritarismo, la corruzione e i diritti umani.

La partecipazione di Taiwan, una democrazia autogestita che la Cina sostiene dovrebbe essere sotto il suo governo, ha ulteriormente irritato Pechino.

Le relazioni tra Stati Uniti e Cina rimangono tese nonostante un vertice virtuale tra Biden e il leader cinese Xi Jinping il mese scorso. Il presidente americano ha ripetutamente inquadrato le differenze con la Cina nel suo più ampio appello agli Stati Uniti e ai suoi alleati per dimostrare che le democrazie possono offrire all’umanità un percorso migliore verso il progresso rispetto alle autocrazie.

Il Partito Comunista governa la Cina da solo dal 1949. Dice che vari punti di vista si riflettono attraverso organi consultivi e comitati eletti di villaggio e residenti, ma mette a tacere la maggior parte delle critiche pubbliche con la censura e talvolta l’arresto.

Il partito sostiene che è necessaria una forte leadership centrale per mantenere la stabilità in un paese tentacolare che è stato lacerato da divisioni e guerre nel corso dei secoli.

“In un paese così grande con 56 gruppi etnici e più di 1,4 miliardi di persone, se non c’è una leadership di partito, … e difendiamo la cosiddetta democrazia dell’Occidente, sarà facile fare un pasticcio e la democrazia lavorare nel modo opposto”, ha detto Tian.

La Cina è stata accusata di incarcerazione di massa, tortura e altre violazioni dei diritti umani poiché impone il controllo sulle comunità etniche nelle sue remote regioni occidentali del Tibet e dello Xinjiang. Il partito respinge le accuse e dice che sta sradicando estremismo e movimenti separatisti.

Le recenti difficoltà affrontate da alcune democrazie occidentali hanno dato ai leader del Partito Comunista più fiducia nel loro sistema mentre cercano di trasformare la Cina in una potenza globale. I media statali citano spesso il caos dell’insurrezione al Campidoglio degli Stati Uniti dopo le ultime elezioni presidenziali. Il rapporto pubblicato sabato afferma che “il mondo di oggi sta affrontando le sfide di una democrazia eccessiva”.

Funzionari cinesi accusano spesso gli Stati Uniti e altri di usare la democrazia come copertura per cercare di reprimere l’ascesa della Cina, un’accusa ripresa alla conferenza stampa da Xu Lin, il vice ministro del dipartimento della pubblicità del partito.

“Gli Stati Uniti si definiscono un ‘leader della democrazia’ e organizzano e manipolano il cosiddetto Summit per la democrazia”, ​​ha affermato. “In effetti, reprime e ostacola i paesi con diversi sistemi sociali e modelli di sviluppo in nome della democrazia. “

Xu ha definito non democratico che gli altri richiedano la loro forma di democrazia, dicendo che loro stessi hanno un curriculum misto.

“La loro governance interna è incasinata, ma puntano il dito contro e criticano le altre democrazie”, ha detto. “È questa la democrazia che pubblicizzavano?”

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati