Dati Covid in tempo Reale

All countries
263,893,043
Confermati
Updated on 2 December 2021 10:07
All countries
236,464,376
Ricoverati
Updated on 2 December 2021 10:07
All countries
5,245,152
Morti
Updated on 2 December 2021 10:07

I migranti al gelo respinti da 15mila soldati polacchi, mentre si aggrava la crisi tra Polonia e Bielorussia

- Advertisement -

AgenPress –  Migranti intrappolati al confine tra Polonia e Bielorussia hanno fatto centinaia di tentativi di sfondare la frontiera, ma sono stati respinti da 15.000 soldati polacchi schierati per fermarli, secondo le autorità polacche.

Le migliaia di persone bloccate sono colte al centro di un’intensificarsi della disputa geopolitica in cui l’Unione Europea, gli Stati Uniti e la NATO hanno accusato il leader bielorusso Alexander Lukashenko di aver creato una crisi migratoria sulla frontiera orientale dell’UE per destabilizzare il blocco come punizione per le sanzioni sulle violazioni dei diritti umani.
Il suo governo nega le affermazioni e incolpa invece l’Occidente per i pericolosi, a volte fatali, attraversamenti di frontiera e il cattivo trattamento dei migranti.
La guardia di frontiera polacca ha dichiarato di aver registrato quasi 600 tentativi di attraversamento da parte dei migranti martedì, nonché “tre tentativi su larga scala” durante la notte fino a mercoledì, con più di 100 migranti in ciascun gruppo che tentano di violare la recinzione.
Nove persone sono state arrestate e 48 sono state immediatamente rimandate in Bielorussia, ha detto ai giornalisti mercoledì un addetto stampa della guardia di frontiera. Il ministro della Difesa polacco Mariusz Błaszczak ha dichiarato alla radio polacca che c’era ancora un consistente gruppo di persone sul lato bielorusso del valico di frontiera di Kuznica, che le autorità hanno chiuso martedì. Un rappresentante della guardia di frontiera polacca in precedenza aveva detto  che alcuni dei migranti erano stati spinti verso le barriere dai servizi bielorussi.
Ai giornalisti e agli operatori umanitari è stato impedito di recarsi nell’area da una zona di esclusione istituita dopo che la Polonia ha recentemente dichiarato lo stato di emergenza. Solo i residenti locali possono accedere all’area previa esibizione di documenti di identificazione.
Molti di coloro che vivono all’interno della zona hanno riferito che la maggiore presenza di polizia militare e guardie di frontiera è stata notevole e che non stanno vedendo più migranti del normale. Attivisti polacchi per i diritti hanno affermato che il dispiegamento aggiuntivo di truppe sembra aver sigillato il confine vicino a Kuznica poiché non hanno ricevuto alcuna chiamata da migranti in cerca di aiuto negli ultimi tre giorni.
- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati