India. Ondata di caldo brucia il raccolto di grano. A rischio le esportazioni per compensare carenze in Ucraina

- Advertisement -

AgenPress –  Un’ondata di caldo da record  ha ridotto i raccolti di grano, sollevando interrogativi su come il Paese riuscirà a bilanciare le sue esigenze interne con l’eventuale possibilità di aumentare le esportazioni e compensare le carenze dovute alla guerra della Russia in Ucraina.

Enormi depositi nella capitale dell’India, Nuova Delhi, hanno preso fuoco nelle ultime settimane. Le scuole nello stato dell’India orientale di Odisha sono state chiuse per una settimana e nel vicino Bengala occidentale le scuole stanno facendo scorta di sali per la reidratazione orale per i bambini. 

- Advertisement -

Martedì, Rajgarh, una città di oltre 1,5 milioni di persone nell’India centrale, è stata la più calda del Paese, con temperature diurne che hanno raggiunto il picco di 46,5 gradi Celsius (114,08 Fahrenheit). Le temperature hanno superato i 45°C (113°F) in altre nove città.

Ma è stato il caldo di marzo – il più caldo in India da quando i registri hanno iniziato a essere tenuti nel 1901 – che ha rallentato i raccolti. Il grano è molto sensibile al calore, soprattutto durante la fase finale, quando i suoi chicchi maturano e maturano. Gli agricoltori indiani pianificano la loro semina in modo che questa fase coincida con la primavera solitamente più fresca dell’India.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati