Dati Covid in tempo Reale

All countries
265,197,799
Confermati
Updated on 4 December 2021 06:10
All countries
236,813,229
Ricoverati
Updated on 4 December 2021 06:10
All countries
5,258,365
Morti
Updated on 4 December 2021 06:10

Inps: i percettori di reddito di cittadinanza sono 1.109.287

- Advertisement -
AgenPress. Al 30 settembre 2021 i percettori di reddito di cittadinanza tenuti alla sottoscrizione del Patto per il lavoro sono 1.109.287. E’ quanto emerge dall’Osservatorio su Reddito e Pensione di Cittadinanza e Reddito di Emergenza dell’Inps.
“Di questi – si legge in una nota dell’INPS –  il 37, 9% è stato preso in carico perché ha sottoscritto un patto per il lavoro con il centro per l’impiego, o dispone di un patto di servizio in corso di validità. Si tratta di 420.689 persone, a cui se ne aggiungono altre 2.983 impegnate in tirocinio. Il Sud e le Isole è l’area geografica con maggiore presenza di beneficiari, dove risiede il 70,4% del totale delle persone soggette al patto per il lavoro. Rispetto all’età, si conferma la presenza di una utenza mediamente più giovane nelle regioni del Sud e delle Isole e leggermente più matura nelle regioni del Nord-Est. A livello nazionale la classe di età degli under 29 costituisce il 38,6% di tutti i beneficiari, mentre quella degli over 50 rappresenta complessivamente il 24,1% del totale.
Anche nella nota di settembre è presente un approfondimento sulla storia lavorativa delle persone beneficiarie del reddito di cittadinanza tenute al patto per il lavoro: quasi 410mila beneficiari (il 36,9% del totale) hanno avuto un contratto alle dipendenze o parasubordinato negli ultimi 24 mesi. Questa quota risulta particolarmente differenziata in base al territorio di residenza e al genere. Tra le beneficiarie donne (che sono il 52,9% del totale) la quota di persone con esperienze occupazionali pregresse è inferiore di 15 punti percentuali rispetto ai beneficiari uomini. Tra gli under 30 è il 36,8% a far registrare un periodo di occupazione nei due anni precedenti.
In un approfondimento di ANPAL condotto attraverso le Comunicazioni Obbligatorie si rileva che il 63% dei beneficiari Reddito di Cittadinanza non ha avuto  alcuna esperienza di lavoro dipendente o para subordinato nei 2 anni  precedenti al 30 settembre 2021. E’pari dunque al 37% la percentuale  di beneficiari che invece ha già vissuto esperienze lavorative.
Lo rileva l’aÈ nelle regioni del Nord-Est che tale valore è più  consistente (ha esperienza un beneficiario su 2) mentre è di circa un terzo la quota dei beneficiari del Sud e delle Isole che hanno già lavorato. Da segnalare anche le differenze legate al genere, hanno esperienza  lavorativa il 45% degli uomini e il 30% delle donne, e alla cittadinanza, con una quota di stranieri che è già stata occupata pari al 52% contro il 34,5% dei beneficiari italiani.
Guardando alla  quantità di lavoro maturato si registra – tra coloro che hanno  esperienze lavorative alle dipendenze o in para subordinazione -, la  presenza di una quota pari al 42,5% di individui che hanno lavorato  complessivamente fino a un massimo di 6 mesi. La restante percentuale  di beneficiari si suddivide fra coloro che hanno esperienze più  lunghe: il 19,7% ha lavorato fra i 6 e i 12 mesi, l’11,6% fra i 12 e 18 mesi, il 26,2% oltre 18 mesi.
- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati