La Cina invia 30 jet inclusi 20 caccia nella zona di difesa aerea di Taiwan

- Advertisement -

AgenPress – Da inizio anno la Cina ha effettuato la seconda più grande incursione nella zona di difesa aerea di Taiwan, con Taipei che ha riferito che 30 jet sono entrati nell’area, inclusi più di 20 caccia.
Il ministero della Difesa di Taiwan ha dichiarato lunedì scorso di aver fatto decollare i propri aerei e di aver dispiegato sistemi missilistici di difesa aerea per monitorare le ultime attività cinesi.
Negli ultimi anni, Pechino ha iniziato a inviare grandi sortite nella zona di difesa di Taiwan per segnalare insoddisfazione e per mantenere regolarmente stressata la vecchia flotta di caccia di Taipei.

La Taiwan democratica autogovernata vive sotto la costante minaccia dell’invasione della Cina, che vede l’isola come il suo territorio e ha promesso di prenderla un giorno, se necessario con la forza.

- Advertisement -

La scorsa settimana gli Stati Uniti hanno accusato Pechino di aver sollevato tensioni sull’isola, con il segretario di Stato Antony Blinken che ha menzionato specificamente le incursioni aeree come esempio di “retorica e attività sempre più provocatorie”.
Le osservazioni di Blinken sono arrivate dopo che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden sembrava rompere decenni di politica statunitense quando, in risposta a una domanda durante una visita in Giappone, ha detto che Washington avrebbe difeso militarmente Taiwan se fosse stata attaccata dalla Cina.

Ma da allora la Casa Bianca ha insistito sulla sua politica di “ambiguità strategica” sul fatto che sarebbe intervenuta o meno non è cambiata.
L’incursione di lunedì è stata la più grande dal 23 gennaio, quando 39 aerei sono entrati nella zona di identificazione della difesa aerea, o ADIZ.
L’ADIZ non è la stessa cosa dello spazio aereo territoriale di Taiwan, ma comprende un’area molto più ampia che si sovrappone a parte della zona di identificazione della difesa aerea cinese e include anche parte della terraferma.
Una mappa di volo fornita dal ministero della Difesa taiwanese mostrava gli aerei che entravano nell’angolo sud-occidentale dell’ADIZ prima di tornare indietro.
L’anno scorso, Taiwan ha registrato 969 incursioni di aerei da guerra cinesi nel suo ADIZ, secondo un database AFP, più del doppio dei circa 380 effettuati nel 2020.
Il maggior numero di aerei che la Cina ha inviato in un solo giorno è stato di 56 il 4 ottobre 2021, mense che ha visto un record di 196 incursioni, principalmente intorno alle celebrazioni annuali della giornata nazionale cinese.

Finora nel 2022 Taiwan ha registrato 465 incursioni, un aumento di quasi il 50% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.
L’enorme numero di sortite ha messo l’aeronautica militare sotto immensa pressione e negli ultimi anni ha subito una serie di incidenti mortali.
Martedì i media locali hanno riferito che un pilota era morto dopo aver schiantato un jet da addestramento nel sud di Kaohsiung.
Non è il primo incidente mortale quest’anno: a gennaio uno dei caccia più avanzati di Taiwan, un F-16V, è precipitato in mare.
Lo scorso marzo, Taiwan ha messo a terra tutti gli aerei militari dopo che un pilota è stato ucciso e un altro è scomparso quando i loro caccia si sono scontrati a mezz’aria nel terzo incidente mortale in meno di sei mesi.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati