La Russia afferma che 959 combattenti ucraini sono stati mandati in una colonia carceraria

- Advertisement -

AgenPress – Più di 900 combattenti ucraini che erano stati rintanati nell’acciaieria Azovstal di Mariupol sono stati portati in una colonia carceraria nel territorio controllato dalla Russia.

L’Ucraina ha ordinato alle truppe lì di dimettersi come parte di un accordo raggiunto da entrambe le parti, mentre tenta di salvargli la vita. Secondo quanto riferito, le scorte di cibo e acqua nell’impianto scarseggiano da diverse settimane.

- Advertisement -

Un portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, ha dichiarato mercoledì che 959 militari ucraini si sono arresi da martedì. Di questi, 51 erano in cura per le ferite riportate e il resto era stato mandato in un’ex colonia carceraria nella città di Olenivka, in un’area della regione di Donetsk controllata dalla Russia.

Il ministero della Difesa di Kiev ha affermato di sperare in una “procedura di scambio… per rimpatriare questi eroi ucraini il più rapidamente possibile”.

Il loro destino rimane poco chiaro, con il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov che si rifiuta di dire se sarebbero stati trattati come criminali o prigionieri di guerra.

- Advertisement -

Il ministero della Difesa ucraino si è impegnato a fare “tutto il necessario” per salvare coloro che sono ancora nella rete tentacolare di tunnel e bunker sotto l’acciaieria, ma ha ammesso che non c’era alcuna opzione militare disponibile.

 

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati