Dati Covid in tempo Reale

All countries
359,663,283
Confermati
Updated on 26 January 2022 10:53
All countries
282,689,494
Ricoverati
Updated on 26 January 2022 10:53
All countries
5,636,081
Morti
Updated on 26 January 2022 10:53

Lavoro. Istat: nel terzo trimestre +500mila occupati sull’anno, tasso di disoccupazione scende al 9,2%

- Advertisement -

AgenPress –  Nel terzo trimestre 2021 si registra un aumento di 121 mila occupati (+0,5%) rispetto al trimestre precedente, e un aumento di 505 mila unità (+2,2%) rispetto al terzo trimestre del 2020. Lo rileva l’Istat. Il tasso di occupazione sale al 58,4% mentre il tasso di disoccupazione scende al 9,2%.

Il numero di occupati, stimati dalla Rilevazione sulle forze di lavoro al netto degli effetti stagionali, sottolinea l’Istat, è pari a 22 milioni 919 mila, in crescita rispetto al secondo trimestre 2021 (+121 mila, +0,5%). L’aumento riguarda i dipendenti permanenti (+88 mila, +0,6%) e quelli a termine (+68 mila, +2,3%), mentre tornano a calare gli indipendenti (-35 mila, -0,7%).

- Advertisement -

Rispetto al terzo trimestre 2020, l’aumento dell’occupazione (+505 mila unità, +2,2%) interessa i dipendenti a tempo indeterminato (+228 mila, +1,5%) e, soprattutto, quelli a termine (+357 mila, +13,1%); per il decimo trimestre consecutivo si registra il calo degli indipendenti (-80 mila, -1,6%).

La crescita dell’occupazione coinvolge sia gli occupati a tempo pieno sia quelli a tempo parziale (+1,9% e +3,7%, rispettivamente). E’ in diminuzione il numero di disoccupati (-308 mila in un anno, -12,0%) e quello degli inattivi tra i 15 e i 64 anni (-453 mila, -3,3% in un anno).

Il tasso di occupazione sale al 58,4%, +0,4 punti sul trimestre precedente. L’aumento, che coinvolge entrambe le componenti di genere e caratterizza tutte le ripartizioni, è più marcato tra i 15-34enni (+0,8 punti) rispetto ai 35-49enni (+0,4 punti) e ai 50-64enni (+0,1 punti).

- Advertisement -

Il tasso di disoccupazione diminuisce per il secondo trimestre consecutivo portandosi al 9,2% (-0,5 punti in tre mesi); in lieve calo anche il tasso di inattività (-0,1 punti, al 35,2%). Continua la sostenuta crescita delle posizioni in somministrazione, con una variazione del 5,8% in termini congiunturali e del 29,8% su base annua, valori che continuano a evidenziare il segnale di ripresa della domanda di lavoro, già registrato nel trimestre precedente.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati