Dati Covid in tempo Reale

All countries
353,363,142
Confermati
Updated on 24 January 2022 19:50
All countries
278,858,552
Ricoverati
Updated on 24 January 2022 19:50
All countries
5,617,813
Morti
Updated on 24 January 2022 19:50

Leonardo, 20 mesi, ucciso con colpo violento all’addome. Ergastolo per madre e compagno

- Advertisement -

AgenPress  – Due ergastoli per l’omicidio, nel maggio 2019 a Novara, del piccolo Leonardo, venti mesi appena. Condannati la madre Gaia Russo e il compagno dell’epoca della donna, Nicolas Musi. La corte ha accolto la richiesta del pm Silvia Baglivo.

Gaia Russo, 23 anni, e il compagno dell’epoca, Nicola Musi, 24 anni, erano accusati di omicidio volontario e maltrattamenti. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, Leonardo, 20 mesi, da tempo costretto a subire maltrattamenti, nel maggio 2019 è stato picchiato a morte da Musi, con la madre che aveva sempre lasciato fare. Una “violenza inaudita, non degna di un essere umano”, aveva sostenuto all’epoca delle indagini il procuratore di Novara, Marilinda Mineccia, oggi in pensione. La morte il 23 maggio 2019. L’autopsia stabilì che a provocare la morte del bambino fu un violento colpo all’addome, con conseguente emorragia al fegato, che portò al decesso in meno di mezzora. Sul corpicino, il medico legale riscontrò ecchimosi e lesioni un po’ ovunque: sul capo, sul torace, sulla schiena, persino sui genitali. Lesioni che risalivano alla mattina stessa del decesso nell’ambito di un quadro di maltrattamenti pregressi.

- Advertisement -

“C’è soddisfazione per aver visto riconosciuto il lavoro della Procura, ma spero che un altro processo così non mi capiti più”, ha detto il pm Silvia Baglivo commenta così la sentenza della Corte d’assise di Novara che, accogliendo le sue richieste, ha condannato Nicolas Musi e Gaia Russo all’ergastolo per l’omicidio del piccolo Leonardo. ”E’ stato un processo difficile, complicato anche emotivamente  e con il rischio che le dichiarazioni contrapposte dei due imputati potessero portare a un impasse tale da non riuscire a individuare la colpevolezza. Invece così non è stato, quindi la soddisfazione professionale resta”.

 

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati