L’Italia sequestra il mega yacht da 578 mln di dollari dell’oligarca russo Andrey Melnichenko

- Advertisement -

AgenPress – La Guardia di Finanza ha sequestrato il mega yacht dell’oligarca russo Andrey Melnichenko.

La dichiarazione afferma che la nave – denominata “SY A” – vale circa 530 milioni di euro (578 milioni di dollari) ed era in deposito nel porto nord-orientale di Trieste.

- Advertisement -

È uno dei più grandi superyacht del mondo, secondo il suo produttore Nobiskrug .

Melnichenko è stato sanzionato dall’Unione Europea il 9 marzo nell’ambito di misure punitive estese contro gli oligarchi russi. Secondo l’UE, possiede il principale produttore di fertilizzanti EuroChem Group e la società carboniera SUEK.

La decisione del Consiglio dell’UE , che autorizzava sanzioni contro Melnichenko, ha rilevato che lui e altri 36 leader aziendali si sono incontrati con il presidente russo Vladimir Putin dopo l’invasione dell’Ucraina ha iniziato a discutere del potenziale impatto economico delle sanzioni dell’UE e degli Stati Uniti.

- Advertisement -

La decisione del Consiglio Ue recita: “Il fatto che sia stato invitato a partecipare a questo incontro dimostra che è un membro della cerchia più stretta di Vladimir Putin e che sostiene o attua azioni o politiche che minano o minacciano l’integrità territoriale, la sovranità e l’indipendenza dell’Ucraina, così come la stabilità e la sicurezza in Ucraina.

“Dimostra anche che è uno dei principali uomini d’affari coinvolti nei settori economici che forniscono una sostanziale fonte di entrate al governo della Russia, che è responsabile dell’annessione della Crimea e destabilizzazione dell’Ucraina”.

Nella  decisione del Consiglio dell’UE , che autorizzava sanzioni contro Melnichenko, hanno notato che lui e altri 36 leader aziendali si sono incontrati con il presidente russo Vladimir Putin dopo l’invasione in Ucraina per discutere il potenziale impatto economico delle sanzioni dell’UE e americane.

“Il fatto che sia stato invitato a partecipare a questo incontro dimostra che è un membro della cerchia più stretta di Vladimir Putin e che sostiene o attua azioni o politiche che minano o minacciano l’integrità territoriale, la sovranità e l’indipendenza dell’Ucraina, nonché come stabilità e sicurezza in Ucraina”, si legge nella decisione del Consiglio Ue. 

“Dimostra anche che è uno dei principali uomini d’affari coinvolti nei settori economici che forniscono una sostanziale fonte di entrate al governo russo, responsabile dell’annessione della Crimea e della destabilizzazione dell’Ucraina”.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati