Londra. Anche Abramovich nella lista nera degli oligarchi. Sospesa vendita del Chelsea

- Advertisement -

AgenPress – La Gran Bretagna ha imposto nuove sanzioni a sette oligarchi russi e ha aggiunto alla lista, tra cui Roman Abramovich, Oleg Deripaska e il presidente di Gazprom Miller.

I beni di questi oligarchi ammontano a 15 miliardi di dollari. In base alle nuove sanzioni, sono tutti soggetti al congelamento di tutti i beni nel Regno Unito e al divieto di attraversare il confine. Ai cittadini britannici è vietato intraprendere qualsiasi attività finanziaria con loro.

- Advertisement -

I miliardari sono anche soggetti a sanzioni al trasporto, il che significa il divieto a qualsiasi aereo russo di attraversare il confine britannico e, in caso di violazione, le autorità possono confiscare l’aereo. 

  • Roman Abramovich , azionista dei giganti dell’acciaio Evraz e Norilsk Nickel, proprietario dell’FC Chelsea. La ricchezza raggiunge i 9 miliardi di dollari. Uno dei pochi oligarchi che ha mantenuto la sua presenza sotto Putin dagli anni ’90. La Gran Bretagna è stata la prima a imporgli sanzioni. Il processo di cessione del Chelsea è temporaneamente sospeso.  Abramovich, proprietario della squadra londinese, i cui asset nel Regno Unito, compreso appunto il club di Premier League, sono stati congelati dal governo britannico. Settimana scorsa era stato lo stesso Abramovich ad annunciare – forse nel timore che si verificasse una situazione simile – la messa in vendita del club, campione del mondo e d’Europa in carica. 
  • Oleg Deripaska , azionista di En+ Group, ha una fortuna di 2 miliardi di dollari. Possiede un portafoglio immobiliare multimiliardario in Gran Bretagna ed è soggetto alle sanzioni statunitensi dal 2018;
  • Igor Sechin , amministratore delegato di Rosneft e amico intimo di Putin, è soggetto alle sanzioni degli Stati Uniti e dell’UE;
  • Andrei Kostin , presidente del consiglio di amministrazione di VTB Bank, amico intimo di Putin e convinto sostenitore delle iniziative del Cremlino attraverso VTB Bank, è valutato 379 milioni di sterline;
  • Anche Alexei Miller , amministratore delegato di Gazprom, che ha lavorato sotto Putin dagli anni ’90, è soggetto alle sanzioni statunitensi;
  • Nikolai Tokarev , presidente della compagnia statale russa Transneft, che ha lavorato con Putin nel KGB negli anni ’80 sotto le sanzioni degli Stati Uniti e dell’UE;
  • Dmitry Lebedev , presidente del consiglio di amministrazione della Banca di Russia, che è chiamata la “banca personale del Cremlino”, è soggetto alle sanzioni statunitensi dal 2016.

“Le sanzioni di oggi mostrano ancora una volta che oligarchi e cleptocrati non hanno posto nella nostra economia o società. Avendo stretti legami con Putin, sono coinvolti nella sua aggressione. Il sangue del popolo ucraino è nelle loro mani “, ha affermato il ministro degli Esteri Liz Trass.

- Advertisement -

 “Non ci piò essere porto sicuro per coloro che hanno appoggiato la feroce aggressione di Putin all’Ucraina”, ha detto Boris Johnson. “Le sanzioni di oggi sono un passo ulteriore” nella strategia del “sostegno incrollabile” del Regno “al popolo ucraino.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati