Dati Covid in tempo Reale

All countries
179,552,610
Confermati
Updated on 22 June 2021 04:27
All countries
162,537,734
Ricoverati
Updated on 22 June 2021 04:27
All countries
3,888,824
Morti
Updated on 22 June 2021 04:27

L’opinione di Roberto Napoletano. Il governo dura se apre il cantiere Sud

- Advertisement -
- Advertisement -

La coerenza meridionalista di Conte alla prova dei fatti. Ottima la scelta di Manfredi per ricerca e università. Ora subito gli Stati generali della perequazione infrastrutturale partendo dalla Napoli-Bari


Agenpress. Giuseppe Conte è seduto sul vulcano dei partiti che compongono la sua coalizione di governo e se l’eruzione non è ancora avvenuta lo si deve solo alla sua naturale capacità di disinnescare mine e allontanare le micce. Qualcosa che è un impasto particolare fatto di educazione al confronto e di metodo pragmatico di governo. Il giorno della sua prima nomina a presidente del Consiglio dicemmo che sarebbe stata la sorpresa positiva per la conoscenza che avevamo delle sue qualità di uomo di diritto e di cultura internazionale, la capacità analitica di studiare i dossier. In una compagine raffazzonata dove si mischiavano pulsioni sovraniste, incompetenze diffuse e una tendenza a confondere la regola della propaganda con quella del governo, ci sembrava che potesse rappresentare un ancoraggio dignitoso delle istituzioni.

È stato così nella prima esperienza di governo e lo è ora nella seconda. Rispondendo ieri alle domande dei giornalisti, nel tradizionale incontro di fine anno, ci è parso anche più solido nelle relazioni internazionali e nella maturità di governo. Pienamente consapevole della pericolosità della fuffa sovranista e dell’importanza strategica della reputazione. Ha dimostrato con la scelta di nominare ministro per l’università e la ricerca il rettore dell’ateneo Federico II di Napoli, Gaetano Manfredi, di cui conosciamo bene valore e capacità, un’attenzione reale al punto più delicato della scommessa di futuro di questo Paese. Gli uomini sono decisivi per fare camminare le cose. Soprattutto lì dove si aggruma tutto. Perché si incrociano talento giovanile, costo e spreco della sua formazione, l’esigenza di riacquistare il controllo del capitale più prezioso riunendo le intelligenze, la vitalità tecnico-scientifica delle due Italie e la forza sopravvissuta della nostra economia.

Per leggere la versione  integrale dell’editoriale del direttore Roberto Napoletano clicca qui:

https://www.quotidianodelsud.it/laltravocedellitalia/editoriali/2019/12/28/leditoriale-del-direttore-roberto-napoletano-laltravoce-dellitalia-il-governo-dura-se-apre-il-cantiere-sud

Altre News

Articoli Correlati