M5s. il “filo putiniano” Petrocelli non si dimette. Senatori Lega lasciano comm. Esteri

- Advertisement -

AgenPress – I senatori della Lega che fanno parte della commissione Esteri – Tony Chike Iwobi, Stefano Lucidi, Matteo Salvini e Manuel Vescovi – hanno firmato la lettera di dimissioni dal loro ruolo. Lo riferisce la Lega in una nota. La decisione rientra nel tentativo di sbloccare il caso Petrocelli dal nome del presidente della commissione, Vito Petrocelli del M5s a cui si chiede da giorni di lasciare la presidenza. 

“Non mi sono dimesso, non mi dimetto” e “intendo in ogni caso fare ricorso alla Corte costituzionale”, per cui “sentirò il mio legale di fiducia”. Il presidente M5S della commissione Esteri del Senato, Vito Petrocelli, a margine della commissione che, convocata per le 10 di stamane, è stata aperta e chiusa per le annunciate dimissione della maggior parte dei membri. “La dimissione dei colleghi – commenta Petrocelli – è una loro scelta e anche una grande responsabilità”.

- Advertisement -

La Giunta del Regolamento del Senato “ha formalmente preso una decisione, a quanto mi è dato sapere se arriverà a essere formalizzata quella decisione mi pare un pericoloso precedente. Visto che siamo in un clima di guerra, evidentemente molti colleghi ritengono qualsiasi precedente legittimo per eliminare un pericoloso filo-russo putiniano dalla presidenza della commissione Esteri. Posso dire in tutta tranquillità e onestà che se, come è stato, solo per aver votato contro la risoluzione, mio primo atto contrario alla maggioranza, sono stato etichettato in tal modo, che tutto ciò sia stato montato mi sta bene ma mi fa pena per la struttura di questa istituzione. Siccome, però, non sono nato ieri sono abituato a tutto, quindi ci sta, ma un po’ mi diverte sarà un caso studio nella giurisprudenza parlamentare, un po’ mi fa piacere”.

I senatori del Pd in commissione Esteri avevano già rimesso il proprio mandato alla presidente del gruppo Simona Malpezzi, come confermato da fonti dem.

Pronti a dare le dimissioni sarebbero anche Pier Ferdinando Casini, i senatori di Forza Italia e di Italia Viva. A loro si aggiungerebbe Adolfo Urso, di Fratelli d’Italia. In fase di valutazione i parlamentari del gruppo Misto e delle Autonomie.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati