M5s. Ricciardi: p”rovvedimenti contro Di Maio: parla di partito dell’odio. Considerare sua espulsione”

- Advertisement -

AgenPress –  “Personalmente ritengo che occorra prendere provvedimenti, magari coinvolgendo la rete o comunque il Consiglio nazionale. Vorrei ricordare che da capo politico Di Maio ha espulso persone per cose molto, molto meno gravi. Dopo le vicende del Quirinale, a Di Maio si è dato il margine per rientrare nella dialettica interna, purtroppo per l’ennesima volta sta dimostrando che è difficile andare avanti così.  Ora parla di partito dell’odio, a me fa specie che a dirlo sia chi dava del partito dell’elettroshock al Pd”.

Lo spiega il vicepresidente del Movimento 5 Stelle, Riccardo Ricciardi, in un’intervista a Repubblica, commentando la spaccatura con Luigi Di Maio sull’invio di armi a Kiev ipotizzando addirittura un’espulsione. 

- Advertisement -

“Conte da premier e anche adesso ha sempre rivendicato un forte rispetto della Ue e dell’Alleanza atlantica. Si tratta quindi di un attacco strumentale ed è grave che Di Maio utilizzi la sicurezza del Paese per attaccare i 5 Stelle”.

“Il Papa è filorusso o putiniano? Non mi pare, eppure anche lui ha posto il tema. Non si tratta di essere anti-atlantici ma di provare a dare prospettive diverse alla Ue e alla Nato – prosegue – Se due anni fa criticavi Trump eri anti-americano? Di Maio sta insultando la sua comunità politica”.

“Riteniamo che occorra una profonda riflessione perché da tempo, per sua responsabilità, è un corpo estraneo al Movimento. Sta facendo un percorso personale che lo pone al di fuori dai 5 Stelle – spiega ancora il vicepresidente del Movimento – un partito che sta facendo le proprie scelte votandole a stragrande maggioranza”.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati