“Mai più in silenzio”. Passeggiata di sensibilizzazione sul tumore ovarico

- Advertisement -

AgenPress. “Mai più in silenzio”, questo lo slogan scelto per la passeggiata in programma  venerdì 20 maggio  a Treviso. L’evento è organizzato dalle Unità operative di oncologia e ginecologia del Ca’ Foncello insieme all’associazione pazienti ACTO- Alleanza contro il tumore ovarico per sensibilizzare le donne sulla neoplasia femminile più grave e meno conosciuta.

La passeggiata avrà inizio alle 15.00 da Prato Fiera e si snoderà per cinque chilometri lungo la Restera e le alzaie ombreggiate del Sile. Vi parteciperanno le pazienti del reparto di Oncologia dell’Ospedale Cà Foncello assieme a parenti, amici, caregiver e sostenitori dell’associazione ACTO.

- Advertisement -

“Questa passeggiata che si svolge in occasione della 10° Giornata mondiale sul tumore ovarico  ha un valore profondamente simbolico – sottolinea Petra De Zanet, presidente di ACTO Veneto –perché rappresenta il primo passo di un percorso comune che ACTO, costituendo una nuova realtà regionale, intende avviare con le istituzioni sanitarie del Veneto per aumentare e migliorare la conoscenza, la prevenzione e la cura di tutti tumori ginecologici”.

“Invitiamo tutti coloro che lo desiderano a partecipare a questa importante iniziativa di sensibilizzazione – commenta il direttore generale, Francesco Benazzi – Ringrazio le équipe dei primari Favaretto e Busato e l’associazione ACTO per l’iniziativa. In Italia sono circa 230mila le donne che soffrono di un tumore ginecologico e ogni anno si registrano 18mila nuove diagnosi. I tumori dell’ovaio, dell’utero e tutti i tumori ginecologici causati dal papilloma virus sono quelli che colpiscono più frequentemente e purtroppo sono anche quelli meno conosciuti, di qui l’importanza di iniziative che sensibilizzino sull’argomento”.

Presso l’ospedale di Treviso è già attivo il gruppo multidisciplinare di oncologia ginecologica per la presa in carico diagnostica e terapeutica delle pazienti con neoplasie ginecologiche; inoltre è stato attivato, con la chirurgia senologica, l’ambulatorio di consulenza genetica per le pazienti BRCA mutate.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati