Mariupol. 100mila cittadini in trappola. Sindaco, molti muoiono di fame. I bambini sono senza cibo

- Advertisement -

AgenPress – Più di 100.000 persone rimangono intrappolate a Mariupol. Gli sforzi per effettuare evacuazioni su larga scala sono falliti, anche se migliaia di persone sono riuscite a partire negli ultimi giorni con veicoli privati.

Sergey Orlov, vicesindaco della città ucraina assediata di Mariupol afferma che le persone stanno iniziando a morire di fame e disidratazione, poiché le scorte di cibo e acqua scarseggiano e non sono ammessi aiuti umanitari.

- Advertisement -

“Alcuni stanno morendo per disidratazione e mancanza di cibo. Alcuni muoiono per mancanza di medicine, insulina… Perché le persone non riescono a trovare assistenza medica”.

“Alcune madri non hanno latte e non hanno cibo per i bambini. Cosa dovrebbero fare con i loro bambini? Non lo so. Non c’è assolutamente cibo per i bambini in città”.

Mariupol è stata oggetto di attacchi russi sin dai primi giorni della guerra e le immagini mostrano una città in rovina, con interi quartieri distrutti. Orlov afferma che il 70% degli ospedali della città è stato “distrutto da bombardamenti e bombardamenti”.

- Advertisement -

La comunicazione con la città è difficile, poiché la rete telefonica è intermittente, quindi è difficile verificare in modo indipendente le informazioni. I residenti trascorrono la maggior parte del loro tempo in rifugi o scantinati senza elettricità, acqua corrente o gas.

“Le persone cercano solo ogni possibilità per sopravvivere. [Loro] condividono cibo, acqua, raccolgono legna per cucinare per strada”.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati