Mariupol. “Sono sicura che morirò presto. Tutti aspettano la morte. Vorrei solo che non fosse così spaventosa”

- Advertisement -

AgenPress – “Sono sicura che morirò presto. È questione di giorni. In questa città tutti aspettano costantemente la morte. Vorrei solo che non fosse così spaventosa”.

È la testimonianza su Facebook di una cittadina di Mariupol, Nadezda Sukhorukova, rilanciata su Twitter dalla giornalista ucraina del Kiev Indipendent Anastasiia Lapatina.

Vorrei solo che non fosse così spaventosa. Tre giorni fa, un amico del mio nipote più grande ci ha fatto visita e ci ha detto che è stato un colpo diretto ai vigili del fuoco. I soccorritori hanno perso la vita. La mano, la gamba e la testa di una donna sono state strappate. Sogno che le parti del mio corpo rimangono ferme, anche dopo un’esplosione di bomba aerea.
Non so perché, ma penso che questo sia importante. Anche se, invece, non ci sarà ancora sepoltura durante il combattimento. Ecco come ci ha risposto la polizia quando li abbiamo beccati per strada e abbiamo chiesto cosa fare della nonna morta del nostro amico. Hanno consigliato di metterlo sul balcone. Chissà su quanti balconi ci sono i cadaveri?
La nostra casa in viale Mira è l’unica senza colpi diretti. È stato colpito due volte da conchiglie, vetro è volato fuori in alcuni appartamenti, ma è rimasto difficilmente ferito e sembra fortunato rispetto ad altre case.
Tutto il cortile è coperto da alcuni strati di cenere, vetro, plastica e catene metalliche. Io che cerco di non guardare lo stupido di ferro che vola nel parco giochi. Penso sia un razzo, o forse non c’è più. Non mi interessa, è solo scomodo. Nella finestra del terzo piano, vedo la faccia di qualcuno e mi insegue. A quanto pare ho paura delle persone vive.
Il mio cane inizia a ululare e capisco che ora sparano di nuovo. Sto fuori di giorno, e intorno a me c’è un silenzio cimitero. Non ci sono macchine, non ci sono voci, non ci sono bambini, nonne sulle panchine. Anche il vento è morto. Un po’ di gente qui però.
Sono sdraiati sul lato della casa e nel parcheggio coperti di abiti superiori. Non voglio guardarli. Ho paura di vedere qualcuno che conosco.
Tutta la vita nella mia città ora borbotta nei sotterranei. Sembra una candela nel nostro reparto. Non c’è niente da fare per farla uscire. Ogni vibrazione o vento e oscurità arriverà. Provo a piangere ma non ci riesco. Mi dispiace per me, per la mia famiglia, per mio marito, per i miei vicini, per gli amici. Torno in cantina e ascolto lì una brutta croce di ferro. Sono passate due settimane e non riesco a credere che ci fosse un’altra vita.
La gente continua a vivere nei  seminterrati.  Ogni giorno, per loro è più difficile sopravvivere. Non hanno acqua, cibo, luce, non possono nemmeno uscire per via dei continui bombardamenti. Gli abitanti di Mariupol devono vivere. Aiutateli. Non dirlo a me. Fate sapere a tutti che l’uccisione di persone pacifiche continua”
- Advertisement -

 

Solo ieri Nadezda è riuscita a fuggire da Mariupol attraverso uno dei corridoi umanitari, quello verso Mangush.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati