Mariupol. Tutti i bambini, donne e anziani sono stati evacuati dall’acciaieria di Azovstal

- Advertisement -

AgenPress – Il vice primo ministro ucraino Iryna Vereshchuk ha affermato che “tutte le donne, i bambini e gli anziani” sono stati evacuati dall’acciaieria Azovstal.

“L’ordine del presidente è stato eseguito. Questa parte dell’operazione umanitaria Mariupol è stata completata”.

- Advertisement -

All’inizio di questa settimana è stato stimato che 200 civili fossero ancora intrappolati all’interno dell’impianto, l’ultima roccaforte ucraina rimasta nella città.

Venerdì 6 maggio, 50 persone sono state portate fuori dallo stabilimento metallurgico Azovstal. Allo stesso tempo, durante il cessate il fuoco sul territorio di Azovstal, gli invasori russi hanno usato cannoni antiaerei e hanno colpito un’auto in movimento verso i civili. A seguito del bombardamento, un combattente è stato ucciso e sei sono rimasti feriti.

All’inizio di questa settimana, 150 persone sono state evacuate da Azovstal e più di 300 da Mariupol e dintorni.

- Advertisement -

L’aggressione russa ha causato una delle più grandi catastrofi umanitarie a Mariupol. Gli invasori bombardano i residenti disarmati e bloccano gli aiuti umanitari.

Il sindaco di Mariupol ha affermato che in città sono morti fino a 20.000 civili dall’invasione russa. Secondo la direzione principale dell’intelligence del ministero degli Affari interni, ci sono 13 crematori mobili russi a Mariupol per ripulire le strade dai corpi dei civili morti. Gli invasori stanno cercando di identificare e distruggere tutti i potenziali testimoni delle atrocità.

Più di 100.000 civili rimangono a Mariupol bloccata. Gli invasori confiscano i passaporti ucraini ai residenti di Mariupol e li portano con la forza in Russia e nell’ORDLO.

I soldati del reggimento Azov, della Guardia nazionale, dei marines ucraini e dei fucilieri a motore continuano a difendere Mariupol.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati