Ministro Messa: gli investimenti in reclutamento aumentano la qualità della ricerca

- Advertisement -

AgenPress. «La VQR, ben prima di essere vista come una “classifica”, è uno strumento che serve a orientare il sistema nazionale della ricerca in un contesto multidisciplinare e con diverse voci da considerare. I risultati presentati oggi hanno mostrato una maggiore omogeneità fra le strutture valutate nella produzione di ricerca, segno di una più estesa attenzione alle attività scientifiche negli atenei. Ma ancora più interessante è il dato che evidenzia una qualità media più elevata nel gruppo che include i nuovi reclutati, indicando il grande valore degli investimenti in reclutamento dei piani straordinari dei ricercatori di tipo B».

Così il ministro dell’Università e della Ricerca, Maria Cristina Messa, in merito ai risultati della Valutazione della Qualità della Ricerca (VQR) 2015-2019 presentati oggi dall’Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca (ANVUR).

- Advertisement -

«Ecco perché insisto sempre così tanto nel mettere in campo ogni strumento possibile per aprire nuovi spazi per la mobilità di ricercatori e professori e per investire nel reclutamento dei giovani: la circolazione dei saperi, la condivisione di idee, di metodi, di esperienze non è un arricchimento semplicemente per il singolo ma per l’intero sistema scientifico italiano che vede, nel suo complesso, aumentare il livello di qualità e quantità della ricerca, per poi competere da protagonista a livello internazionale» ha aggiunto il ministro.

«Valorizzare persone e competenze ripaga tantissimo: sono loro, sono studentesse e studenti, dottorandi, ricercatori e ricercatrici, professoresse e professori che potendo contare su risorse, laboratori, strumentazioni, infrastrutture sempre più d’avanguardia potranno, oggi e in futuro, dare risposte a problemi complessi. Il nostro compito è quello di prevedere strumenti, come i recenti decreti per distribuire 7.500 borse per dottorati, e creare le migliori condizioni di continuità anche di finanziamenti nel tempo, affinché la formazione superiore e la ricerca possano restare stabilmente al centro delle politiche per la crescita del Paese» ha concluso il ministro Messa.

 

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati