Missione russa anti-Covid. Anzaldi. Ma Conte chi vuole prendere in giro? Davvero poco credibile

- Advertisement -
AgenPress – “Ecco la ricostruzione di Conte: Barr avrebbe chiesto di incontrare i nostri servizi segreti a giugno, Conte però dà il via libera solo dopo due mesi, a Ferragosto, proprio nei giorni in cui il Conte 1 sta cadendo e non si sa se si formerà un Conte 2 (pochi giorni dopo, il 27 agosto, Trump fa il noto tweet pro Conte)”.
Lo scrive su Facebook il deputato di Italia Viva Michele Anzaldi.
“Dopo un altro mese il ministro della Giustizia americano viene fatto tornare di persona in Italia per non ricevere alcuna risposta, né documentazione, sostiene l’ex premier. Ma Conte chi vuole prendere in giro? Una versione davvero poco credibile, a maggior ragione dopo l’aver nascosto la cena tra Barr e Vecchione a Casa Coppelle rivelata da Repubblica.
Gravissime, invece, le minacce di Conte a Repubblica e al giornalista Bonini, con tanto di insulti. Mi auguro che l’Ordine dei giornalisti e la Fnsi intervengano.
Peraltro con quello che ha fatto quando era a Palazzo Chigi, con l’ufficio stampa istituzionale affidato a Casalino, è davvero l’ultima persona a poter parlare di deontologia professionale. Lo stesso Casalino che il Copasir deve ancora sentire per il presunto hackeraggio denunciato quando l’account ufficiale di Conte venne usato per rilanciare pagine che promuovevano campagne di odio contro Renzi e contro il presidente Mattarella. Che fine ha fatto quella convocazione? E la denuncia per hackeraggio è mai stata presentata?”
- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati