Morto sul lavoro a Taranto. Paolo Capone, Leader UGL: “Strage inaccettabile. Urgono interventi.”

- Advertisement -

AgenPress. “A nome dell’UGL esprimo il cordoglio alla famiglia dell’operaio di 40 anni schiacciato ed ucciso nel porto di Taranto da un telaio in ferro durante le movimentazioni di un carico di pale eoliche. Siamo di fronte all’ennesimo ed inaccettabile dramma sul lavoro, una strage quotidiana da arrestare urgentemente.

In tal senso, chiediamo alle istituzioni nazionali e locali interventi volti ad intensificare i controlli e rafforzare la formazione dei lavoratori in materia di sicurezza sul lavoro, così da prevenire simili tragedie. La manifestazione dell’UGL ‘Lavorare per vivere’ vuole porre l’attenzione del Governo e dell’opinione pubblica sul fenomeno delle morti bianche e ribadire, ancora una volta, basta stragi sul lavoro.”

- Advertisement -

Lo hanno dichiarato in una nota congiunta Paolo Capone, Segretario Generale dell’UGL e Giuseppe Sanzò, Segretario Regionale UGL Puglia, in merito all’incidente sul lavoro in cui ha perso la vita un operaio nel porto di Taranto.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati