Mosca. Peskov: “l’operazione militare speciale in Ucraina procede come previsto”

- Advertisement -

AgenPress – Il principale portavoce del presidente russo Vladimir Putin ha ammesso che la Russia non ha ancora raggiunto nessuno dei suoi obiettivi militari in Ucraina e ha rifiutato di negare che Mosca possa ricorrere all’uso di armi nucleari.

In un’intervista con Christiane Amanpour della CNN martedì, Dmitry Peskov ha ripetutamente rifiutato di escludere che la Russia avrebbe preso in considerazione l’uso di armi nucleari contro quella che Mosca vedeva come una “minaccia esistenziale”. Quando gli è stato chiesto in quali condizioni Putin avrebbe utilizzato la capacità nucleare russa, Peskov ha risposto: “se è una minaccia esistenziale per il nostro Paese, allora può esserlo”.
Putin ha precedentemente accennato all’uso di armi nucleari contro nazioni che considerava una minaccia per la Russia. 
Alla domanda su cosa Putin pensava di aver ottenuto in Ucraina finora, Peskov ha risposto: “Beh, prima di tutto, non ancora. Non ha ancora raggiunto”.
Il portavoce ha anche affermato che “l’operazione militare speciale” – l’eufemismo ufficiale del Cremlino per l’invasione russa in Ucraina – sta “andando avanti rigorosamente in conformità con i piani e gli scopi stabiliti in precedenza”.
Peskov ha anche ripetuto le richieste di Putin, affermando che i “principali obiettivi dell’operazione” sono “sbarazzarsi del potenziale militare dell’Ucraina”, per garantire che l’Ucraina sia un “paese neutrale”, per sbarazzarsi dei “battaglioni nazionalisti” per l’Ucraina accettare che la Crimea – annessa dalla Russia nel 2014 – faccia parte della Russia e accettare che gli staterelli separatisti di Luhansk e Donetsk “sono già stati indipendenti”.
Ha anche affermato che la Russia ha attaccato solo obiettivi militari, nonostante i numerosi rapporti di attacchi aerei russi contro obiettivi civili che proteggevano i comuni ucraini.
- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati