Dati Covid in tempo Reale

All countries
176,228,232
Confermati
Updated on 12 June 2021 20:55
All countries
158,508,222
Ricoverati
Updated on 12 June 2021 20:55
All countries
3,803,547
Morti
Updated on 12 June 2021 20:55

Nairobi. Come comprare un bambino al mercato nero al prezzo di 300 sterline

AgenPress -Da qualche parte, il figlio di Rebecca ha 10 anni. Potrebbe essere a Nairobi, dove vive lei, oppure potrebbe essere altrove. Potrebbe, lo sa in cuor suo, essere morto. L’ultima volta che l’ha visto, Lawrence Josiah, il suo primogenito, era uno di loro. Aveva 16 anni. Erano circa le 2 del mattino di una notte di marzo 2011 e Rebecca era assonnata per aver annusato un fazzoletto inzuppato di carburante per aviogetti – una sballo da quattro soldi per le strade della città.

Lo riporta la Bbc con reportage di Peter Murimi, Joel Gunter e Tom Watson.

Annusava il carburante degli aerei perché le dava la sicurezza di andare da estranei e implorare. All’età di 15 anni, la madre di Rebecca non poteva più sostenerla o pagarle le tasse scolastiche, e lei si è ritirata ed è scivolata nella vita per strada. Ha incontrato un uomo più anziano che ha promesso di sposarla ma invece l’ha messa incinta e se n’è andata. L’anno successivo nacque Lawrence Josiah e Rebecca lo allevò per un anno e alcuni mesi finché quella notte chiuse gli occhi e non lo vide più.

“Anche se ho altri figli, era il mio primogenito, mi ha fatto una madre”, ha detto, trattenendo le lacrime. “Ho cercato in ogni centro per bambini, a Kiambu, Kayole, e non l’ho mai trovato”.

Rebecca vive ancora nelle stesse strade di Nairobi. È piccola, con zigomi appuntiti e capelli corti e intrecciati. Ora ha altri tre figli: ragazze di otto, sei e quattro anni. La ragazza più giovane è stata afferrata una volta, ha detto, da un uomo che era stato in giro per la zona. Affermò che la bambina di appena un anno gli aveva chiesto di offrirle da bere. Rebecca lo ha seguito fino a una macchina, ha detto, dove una donna stava aspettando. Il giorno dopo era tornato.

Donne vulnerabili vengono depredate a Nairobi per alimentare un fiorente mercato nero per i bambini. Nel corso di un’indagine durata un anno, Africa Eye ha trovato prove di bambini rapiti da madri senzatetto e venduti per enormi profitti. Abbiamo scoperto il traffico illegale di bambini nelle cliniche di strada e il furto di bambini in un importante ospedale gestito dal governo. E nel tentativo di denunciare quelle posizioni governative abusive, abbiamo deciso di acquistare un bambino abbandonato da un funzionario dell’ospedale, che ha utilizzato documenti legittimi per prendere in custodia un bambino di due settimane prima di venderlo direttamente a noi.

I ladri di bambini vanno da opportunisti vulnerabili a criminali organizzati – spesso entrambi gli elementi lavorano insieme. Tra gli opportunisti ci sono donne come Anita, una forte bevitrice e tossicodipendente che lei stessa vive dentro e fuori dalla strada, e fa soldi rubando bambini a donne come Rebecca, prendendo di mira madri con bambini di età inferiore ai tre anni.

Fingendosi potenziali acquirenti, Africa Eye ha organizzato un incontro con Anita in un pub nel centro di Nairobi frequentato da venditori ambulanti. Anita ci ha detto che era sotto pressione dal suo capo per rubare più bambini e ha descritto un recente rapimento.

“La madre era nuova per le strade, sembrava confusa, non consapevole di quello che stava succedendo”, ha detto. “Si è fidata di me con suo figlio. Ora ho il bambino.”

Anita ha detto che il suo capo era una donna d’affari locale che comprava bambini rubati da piccoli criminali e li vendeva per un profitto. Alcuni dei clienti erano “donne sterili, quindi per loro questa è una sorta di adozione”, ha detto, ma “alcuni li usano per i sacrifici”.

“Sì, vengono usati per i sacrifici. Questi bambini scompaiono dalle strade e non vengono più visti”.

Quell’ombra oscura faceva eco a qualcosa che Emma ci aveva già detto, che Anita aveva detto che alcuni acquirenti “portano i bambini per i rituali”.

In realtà, una volta che Anita ha venduto un bambino, sa poco del loro destino. Li vende alla donna d’affari per 50.000 scellini per una ragazza o 80.000 scellini per un ragazzo, ha detto – £ 350 o £ 550. Questo è più o meno il tasso corrente a Nairobi per rubare un bambino a una donna per strada.

“L’imprenditrice, non dice mai gli affari che fa con i bambini”, ha detto Emma. “Ho chiesto ad Anita se sa cosa fa la donna con loro, e lei mi ha detto che non le potrebbe importare di meno se li porta alla stregoneria o altro. Finché ha soldi, non me lo chiede.”

Subito dopo il primo incontro, Anita ha chiamato per organizzarne un altro. Quando siamo arrivati, era seduta con una bambina che diceva aveva cinque mesi e che aveva appena rapito pochi istanti prima, dopo aver conquistato la fiducia della madre.

“Me l’ha dato per un secondo e io sono scappata con esso”, ha detto.

Anita ha detto che aveva un acquirente in fila per acquistare la ragazza per 50.000 scellini. Emma, ​​la nostra fonte, ha tentato di intervenire, dicendo che era stata presentata a un acquirente che poteva pagare 80.000.

“Questo è un bene,” disse Anita. “Sigilliamo l’accordo per domani.”

È stato fissato un incontro per le 17:00. Poiché la vita di un bambino era in pericolo, Africa Eye ha informato la polizia, che ha organizzato un’operazione di puntura per arrestare Anita e salvare la bambina, una volta che il nostro acquirente l’avesse incontrata. Probabilmente sarebbe stata l’ultima occasione per mettere al sicuro questa bambina prima che scomparisse.

Ma Anita non si è mai presentata e, nonostante i tentativi per giorni, non siamo riusciti a trovarla. Alcune settimane dopo, Emma finalmente l’ha rintracciata. Ci ha detto che Anita ha detto di aver trovato un offerente più alto e di aver usato i soldi per costruire una casa di due stanze in lamiera in uno degli slum della città. Il bambino non c’era più. La polizia ha ancora una pratica aperta su Anita.

spot_imgspot_img
spot_img

Altre News

Articoli Correlati