Dati Covid in tempo Reale

All countries
228,517,227
Confermati
Updated on 18 September 2021 12:01
All countries
203,403,158
Ricoverati
Updated on 18 September 2021 12:01
All countries
4,695,116
Morti
Updated on 18 September 2021 12:01

Norvegia. 23 morti per vaccino Pfizer. Aifa: “massima attenzione, ma nessun allarme”

- Advertisement -
- Advertisement -

AgenPress – “Non ci sono indizi che ci facciano dubitare della scelta fatta. Stiamo proteggendo i più fragili con il prodotto migliore che abbiamo. In Italia fra le molte decine di migliaia di vaccini già fatti nelle Rsa non è stato segnalato nulla di grave”.

Lo afferma il Presidente del Comitato scientifico sorveglianza vaccini istituita da Aifa, Vittorio Demicheli, il quale afferma che si sta ponendo “massima attenzione nel monitoraggio della situazione ma al momento non esistono ragioni di allarme per quanto accaduto in Norvegia” dove sono stati segnalati dall’agenzia del farmaco locale 23 morti, tra persone anziane e fragili vaccinate contro il Covid-19.

“Per quello che sappiamo, dall’agenzia norvegese è arrivata una dichiarazione di tipo prudenziale. Ci aspettiamo di osservare dei decessi in vicinanza temporale alla vaccinazione fra le persone molto anziane perché queste morti possono accadere per cause naturali, ma sono facilmente verificabili per la loro storia clinica”, aggiunge Demicheli, epidemiologo e direttore sanitario dell’Ats Milano Città Metropolitana.

“La regola che vale per tutti i vaccini è che per ogni decesso che ha una causa non chiaramente verificabile serve un accertamento diagnostico, come nel caso di un medico lombardo deceduto nei giorni scorsi che aveva una storia clinica complicata. L’autopsia fatta ieri ha escluso il legame con il vaccino”.

“Nelle persone anziane spesso il decesso è attribuibile ad una causa nota, in questo momento sta succedendo che stiamo vaccinando persone che hanno comunque una probabilità di morire più alte. Il nostro livello di allerta è massimo ma gli studi non hanno mai dimostrato che c’è una probabilità maggiore di morire. Le segnalazioni vengono raccolte dalla rete nazionale ed europea che sta seguendo con le antenne alte la situazione. Gli studi di registrazione sono stati abbastanza numerosi e situazioni rischiose, se ci fossero state, sarebbero emerse già”.

Altre News

Articoli Correlati