M5s: Smascherato spot di Renzi sui 150 milioni a sostegno dei siti culturali

0
1024

Agenpress. Smascherato lo spot di Renzi sui 150 milioni di euro a sostegno dei siti culturali in difficoltà, il cui stanziamento era stato promesso dal premier quattro mesi fa entro il 10 agosto ma di cui oggi non v’è traccia. Una bufala che oggi abbiamo denunciato in Aula alla Camera e che sarà al centro di un’interrogazione parlamentare a prima firma del portavoce 5 stelle Mattia Fantinati rivolta al ministro dei Beni Culturali, Franceschini.

Come documentano oggi fonti di stampa, lo scorso 9 maggio, il premier Renzi lanciava dal suo profilo facebook un appello a tutti i cittadini affinché segnalassero via mail, ad uno specifico indirizzo da lui indicato, i siti culturali, come ville e borghi, in stato di degrado. In quell’occasione Renzi ha promesso 150 milioni di euro per interventi di restauro e l’istituzione di un’apposita commissione che avrebbe dovuto stabilire a quali progetti assegnare i fondi promessi.

Dopo quattro mesi cosa resta di questa promessa di Renzi? Nessuna traccia dei 150 milioni di euro, nessuna commissione nominata. Solo una pagina web e una mappa delle regioni italiane su cui non si può nemmeno cliccare. Senza risposta dunque le quasi 140mila mail inviate dai cittadini su complessivi 8mila siti culturali segnalati. Un ennesimo spot, insomma. Una nuova presa in giro per i cittadini. Che fine hanno fatto dunque i 150 milioni di euro promessi da Renzi? Quale credibilità può avere un Governo che si affida alla buona volontà dei cittadini per censire i siti culturali in stato di degrado? Il ministero dei Beni Culturali non ha già una lista di interventi prioritari per il patrimonio culturale italiano? Renzi e Franceschini la smettano di prenderci in giro, escano allo scoperto e chiariscano al più presto dove sono finiti i soldi promessi e quali azioni sono state avviate per il recupero e la tutela del patrimonio culturale italiano!

Commenti
loading...