Alessia Morani: “Dalle spese M5s si ricava che non sono più francescani”

2320

Agenpress. ‘C’è un solo modo per tagliare i costi della politica: si chiama ‘fare le riforme’, solo che non piace a chi chiede semplici operazioni di maquillage. La riforma della Costituzione chiede alla politica ben altro! Taglia in maniera definitiva 315 poltrone, abbassa gli stipendi ai consiglieri regionali, cancella il finanziamento ai gruppi regionali, elimina il Cnel e le province, supera il contenzioso tra Stato e Regioni.

Con la riforma si risparmiano 500 milioni all’anno. C’è solo un gruppo politico che guadagna elettoralmente se tutto rimane uguale: si chiama M5s. Se noi cambiamo le cose, al movimento manca la terra sotto i piedi.

Cari deputati M5s, volete tagliarvi lo stipendio? Fatelo da domani, a prescindere da questo voto, passando dai 10mila euro che intascate oggi al mese al tetto dei 2.500 che predicava francescanamente il vostro leader Grillo ai tempi dello Tsunami tour.

Siete entrati in Parlamento e zero euro e ora dichiarate cifre importanti tra rimborsi e indennità: come Di Maio, in 3 anni oltre 400mila euro.

La verità è che non siete riusciti a fare ciò che promettevate, perché semplicemente vi siete rimangiati la parola, come sempre: lo avete fatto sul garantismo con il nuovo mantra del ‘dobbiamo leggere le carte’ e lo fate sulle spese perché vi siete resi conto che la politica costa’.

 

Commenti
loading...