Egitto. Al Cairo. Bomba contro i cristiani. 25 morti e 49 feriti. Donne e bambini vittime

0
832

Agenpress – Un ordigno artigianale è scoppiato all’ingresso della chiesa che si trova nel quartiere di Al Abasiya della capitale. L’esplosione è avvenuta, secondo le ultime testimonianze, mentre all’interno del complesso della cattedrale si celebrava una messa.

Lo ha riferito il ministero della Sanità egiziano nel giorno in cui ricorre il Moulid el Nabi, l’anniversario della nascita di Maometto. L’esplosione è avvenuta, secondo le prime testimonianze, in una piccola chiesa all’interno del complesso della cattedrale mentre si celebrava messa.

Al momento, il numero delle vittime è di 25 morti e 49 feriti. Maggior parte donne e bambini. Nessuna rivendicazione è ancora arrivata nè si sa nulla della dinamica dell’attentato, ma secondo le prime informazioni rilanciate dai media egiziani, l’ordigno sarebbe stato telecomandato.

Secondo alcuni media tra le vittime potrebbero esserci donne e bambini: l’ordigno esploso nella chiesa infatti, secondo quanto riferisce una giornalista egiziana del Washington Post su twitter, citando il network Cbs, sarebbe stato inserito dall’attentatore (o dall’attentatrice) all’interno di una borsa da donna e collocata all’interno della chiesa proprio nel settore femminile.

L’ordigno sembrerebbe artigianale: 12 chili di tritolo per far esplodere la cappella di San Pietro e Boutrosseya, è nel recinto della cattedrale copta di San Marco. Le forze di sicurezza stanno setacciando l’area dopo aver chiuso l’accesso alle principali strade attorno alla cattedrale di San Marco. I cristiani copti rappresentano circa il 10% della popolazione egiziana, hanno goduto di protezione durante il lungo regime di Mubarak, sono stati presi di mira dai jihadisti dopo la primavera araba e il lungo periodo di instabilità che ha vissuto il Paese.

L’esplosione è avvenuta mentre era in corso la messa. Il portavoce della Chiesa copta ha spiegato che l’esplosione è avvenuta nella piccola chiesa di San Pietro e Paolo, adiacente alla cattedrale di San Marco. Per l’agenzia di stampa ufficiale egiziana invece la bomba è stata collocata in una cappella adiacente al muro esterno della cattedrale.

 

 

Commenti
loading...