Pd nel caos. Cuperlo: partito esploso perché Renzi che lo ha diviso. Speranza: ridefinire leadership

0
1152

Agenpress –  “E’ pazzesca la scelta di chi avendo tutto il potere nelle mani non ha fatto quasi nulla per provare a unire il suo campo e il suo partito”, dice l’ex presidente del Pd Gianni Cuperlo in un’intervista a Repubblica, che “per molti versi è già esploso. Un partito è una comunità che discute, magari si divide ma poi sa procedere unita. A me la scelta sul referendum è costata fatica”.

Cuperlo parla anche di D’Alema, che  “vuole ricostruire il centrosinistra partendo da chi ha votato No. Io penso che solo mescolando la sinistra che ha votato Sì con quella che ha votato No possa nascere il nuovo”.

“L’idea che rompendo il Pd si avrà una sinistra più forte mi pare il riflesso fuori tempo di un errore antico, ma la prima responsabilità per evitare che ciò accada è di Renzi e le sue parole non vanno nella direzione giusta”.

Su un altro quotidiano, Corriere della Sera, Roberto Speranza, deputato della minoranza dem, parla addirittura di un’alternativa a Matteo Renzi. “È inimmaginabile correre verso le politiche senza un momento di partecipazione dal basso, per ridefinire il progetto e la leadership”, perché, continua, occorre “una lettura della necessità di rigenerare il Pd per renderlo più competitivo con un nuovo leader. Noi lavoriamo a costruire un’alternativa a Renzi”.

Speranza dice di non essere interessato alle due assemblee che si sono svolte a Roma, con Massimo Da’Alema, e a Rimini, con Matteo Renzi. “Io sto con il popolo di centrosinistra. Per me quelle due assemblee sono due parti dello stesso campo e io lavoro per unirle. I nostri avversari sono i nuovi nazionalismi, i populismi, le destre”.

“Se si andasse alle urne ora con il proporzionale puro, temo che non ci sarebbe una maggioranza in Parlamento. Davvero vogliamo votare con una legge che ci mette nel pantano? Se il Pd toglie la fiducia a un suo premier e consegna il Paese all’ ingovernabilità non è più il Pd, è il partito dell’avventura”, afferma Speranza sottolineando la necessità di fare un congresso.

Speranza  smentisce trattative sui posti sicuri. “Io sono per toglierli, per me è sulla linea politica che si discute. Il Pd deve mettere avanti l’interesse del Paese, non le ambizioni di qualche capo corrente. I capilista bloccati vanno eliminati subito”

 

 

 

 

 

 

Commenti
loading...