Centrodestra, Maullu (FI): “Berlusconi come sempre lucidissimo. Alleanza intelligente CX e Lega”

0
1174

Agenpress – “Le parole di Silvio Berlusconi, oggi su Repubblica, sono logiche e intelligenti. La leadership del Cavaliere è naturale e non lo è da oggi, bensì da più di vent’anni. E ancora più importanti sono le sue parole sulla struttura del Centrodestra, prima che sulla leadership: il Centrodestra unito è l’unica proposta politica in grado di portare il Paese fuori dalla crisi”.

E’ quanto afferma Stefano Maullu, eurodeputato di Forza Italia.

“Non è mai stata in discussione la leadership di Berlusconi, così come Forza Italia è sempre stato l’unico movimento in grado di essere baricentro trasversale e solido del Centrodestra tutto. E allo stesso modo l’alleanza con la Lega è altrettanto naturale, come avviene in diverse importanti Regioni italiane dove il Centrodestra ha vinto e governa molto bene”.

Per Maullu Centrodestra e Lega facciano un’alleanza intelligente per governare il Paese”

“Un dibattito talvolta anche acceso su leadership e guida è naturale e, se portato avanti con senso di responsabilità, serve anche a creare quel giusto dibattito utile poi a fare sintesi su progetti e obiettivi. Il dato più importante che Berlusconi cita oggi su Repubblica è quel 95% di programmi che Forza Italia e Lega condividono: non sarà sicuramente il restante 5% a impedire che il Centrodestra e la Lega possano trovare condivisione progettuale e sintesi in un’alleanza intelligente, come d’altronde avviene con risultati eccellenti nelle Regioni in cui siamo al Governo”.

Occorre, secondo Maullu, “rappresentare area vasta e tornare al Governo”

“Le leadership non si inventano, così come i leader non si autoproclamano. Sono gli elettori a decretarle. Matteo Salvini ha saputo prendere una Lega in enorme difficoltà e riportarla ad essere soggetto politico forte. Silvio Berlusconi, da più di vent’anni, è quel punto di riferimento che ha saputo tenere insieme un’area politica vastissima: moderati, ‘incazzati’, riformisti, liberali, leghisti, europeisti convinti così come euroscettici, cattolici e laici, radicali. Ciò che conta davvero è l’obiettivo, ovvero portare l’Italia a superare un momento di grande difficoltà iniziato proprio quando il modello di Centrodestra unito di cui sopra con Berlusconi baricentro forte è stato destituito in modo poco chiaro per spianare la strada ai Governi Monti, Letta e Renzi con i quali l’Italia è peggiorata sotto tutti i punti di vista”.

 

Commenti
loading...