Corea del Nord. Kim lancia un nuovo missile, ma fallisce. Trump: “mancanza di rispetto”

0
1519

Agenpress – La Corea del Nord ha effettuato un nuovo test di lancio di un missile balistico ma come era avvenuto già lo scorso 16 aprile il test si è risolto in un fallimento da un punto di vista tecnico-militare, anche se non necessariamente sottoto il profilo politico-diplomatico.

Il missile balistico lanciato  alle 5,03 di sabato mattina (le 22,33 ora italiana di venrdi) “non ha mai oltrepassato i confini del territorio” di Pyongyang. Lo riferisce il comando delle forze armate Usa nel Pacifico (Pacom) basato ad Honolulu nelle Hawaii confermando che “il missile balistico e’ stato lanciato dalla base aerea di Pukchang airfield”, ha specificato il comandante Dave Benham.

I militari della Corea del Sud hanno confermato l’avvenuto lancio di un missile da parte di Pyongyang: il lancio, secondo lo stato maggiore interforze sudcoreano citato dall’agenzia Yonhap, è avvenuto poco a nord di Pyongyang.

La Casa Bianca è stata informata del test missilistico nordcoerano e il presidente Donald Trump, tornato da poco da un comizio ad Atlanta, ha ricevuto un briefing sugli sviluppi. Secondo alcuni media Usa l’amministrazione Trump potrebbe rispondere al test missilistico nordcoreano accelerando l’ipotesi di nuove sanzioni nei prossimi giorni e con ulteriori esercitazioni navali o l’invio di aerei o navi come prova di forza.

Il presidente Donald Trump ha deciso di gestire – al momento – il nuovo lancio di un missile balistico nordcoreano in modo diplomatico ed indiretto definendo l’atto un affronto alla Cina, l’unico e sempre piu’ riluttante alleato del dittatore Kin Jong-un.     “La Corea del Nord ha mancato di rispetto ai desideri della Cina e del suo estremamente rispettabile presidente (Xi Jinping, ndr) quando ha lanciato il missile, benche’ sia stato un fallimento. Questo e’ un  male!”, ha twittato il presidente Usa.

Solo ieri mattina in un’intervista all’agenzia anglo-canadese Reuters Trump aveva detto che con la Corea del Nord c’e’ il rischio “di conflitto molto serio”, aggiungendo, pero’, di preferire di risolvere la questione con la diplomazia. E la novita’ sottolineata da Trump e’ che ha registrato una svolta nella collaborazione con Pechino, pronta a fare pressioni su Pyongyang, dopo la visita del presidente cinese Xi Jinping in Florida all’inizio di aprile.     Xi “penso ci stia provando con forza. Sicuramente non vuole disordini e morte. E’ una brava persona. E’ davvero una brava persona: ho avuto modo di conoscerlo bene. Ama la Cina e ama il popolo cinese. So che vorrebbe fare qualcosa ma e’ possibile che non possa”, ha detto Trump.

Commenti
loading...