Nicky Hayden, campione del mondo di MotoGp nel 2006, è morto

0
1226

Agenpress –  Nicky Hayden 36 anni, era ricoverato in prognosi riservata nel reparto di Rianimazione dell’ospedale Bufalini di Cesena perché mentre si allenava in bici con alcuni amici lungo sulla provinciale Riccione-Tavoleto, nella zona di Misano Adriatico, è stato travolto da un’auto, una Peugeot 206 CC nera, sbattendo violentemente contro il cofano e il parabrezza.

L’ex campione era stato portato in ospedale in gravissime condizioni, con un politrauma cranico e addominale. Dopo aver ricevuto le prime cure all’Infermi di Rimini è stato era trasportato in elicottero all’ospedale Bufalini di Cesena, specializzato in traumi. Hayden dopo aveva corso a Imola nel Mondiale Superbike aveva deciso di fermarsi qualche giorno in Italia. Accanto a lui Hayden c’erano il fratello Tommy e la mamma Rose arrivati nei giorni scorsi dagli Stati Uniti e la fidanza Jackie che non lo hanno lasciato solo un minuto nella speranza di miglioramenti.  La morte del pilota è stata annunciata con una nota dell’ospedale Bufalini di Cesena, che successivamente ha spiegato che il comunicato è stato anticipato per errore, prima di avvertire la famiglia.

Questo il comunicato emesso dal Collegio dei medici alle 17,40: “Il Collegio medico ha accertato il decesso del paziente Nicholas Patrick Hayden, ricoverato da mercoledì scorso 17 maggio nel reparto di Rianimazione dell’Ospedale Bufalini di Cesena a seguito del gravissimo politrauma occorso in quella stessa data”.

Hayden nel Motomondiale ha disputato 218 GP con tre vittorie in MotoGP e 28 piazzamenti sul podio. Ha debuttato nella MotoGP nel 2003, con la Honda, e dopo una lunga militanza nella classe regina, che lo ha visto conquistare il Mondiale nel 2006 ai danni di Valentino Rossi, e gareggiare anche con la Ducati, nel 2016 è passato in Superbike con Honda, concludendo con il quinto posto in classifica generale. Confermato anche per quest’anno, l’americano era reduce dal 12° posto conquistato nel weekend passato in gara-2 del GP di Italia.

 

Commenti
loading...