Roma. Raggi. Stiamo facendo il massimo e faremo ancora di più, ma non molliamo

569

Agenpress – “Siamo orgogliosi di iniziare a presentare il lavoro fatto nel primo anno di consiliatura. Riteniamo fondamentale dialogare costantemente con cittadini che ci hanno eletto. È stato un primo anno intenso ma pieno di opportunità, perché i cittadini hanno chiesto di cambiare il corso dell’amministrazione degli ultimi 20 anni e noi stiamo facendo un cambiamento radicale. La città trovata era ferma”.

Lo ha detto il sindaco di Roma, Virginia Raggi, parlando dei primi 365 giorni di mandato. “Riteniamo fondamentale dialogare costantemente con cittadini che ci hanno eletto”, ha aggiunto.

“Stiamo facendo il massimo e faremo ancora di più, ma non molliamo”, ha detto il sindaco, che ha ringraziato assessori, consiglieri e municipi ma anche i romani per “la pazienza perché questo è un lavoro lungo per cui serve pazienza”. Secondo Raggi “Roma rinasce con l’aiuto di tutti”.

“La città era ferma”, accusa il sindaco. “Abbiamo approvato il bilancio nei termini, una rivoluzione”, ha aggiunto la Raggi. In passato, ha spiegato “approvare il bilancio fuori da termini ha consentito di fare gare a vantaggio di poche ditte. Questa misura che può passare in sordina è la chiave di volta di un sistema nuovo”.

In merito alla conclusione delle indagini e rischio processo sulla vicenda nomine che la riguarda, Raggi ha detto: “Ho ricevuto un avviso di conclusione indagini per due vicende. Ritengo di aver agito in buona fede e spiegherò le mie ragioni a magistrati”. A chi gli chiedeva se avesse sentito il garante del M5S Beppe Grillo, il sindaco ha risposto: “Ho sentito Beppe e mi ha incitato ad andare avanti”.

“Stiamo lavorando a ricostruire i processi perché solo con processi sani si possono avere risultati diversi. Sarebbe stato molto facile risolvere subito alcuni problemi come buche e il verde chiamando al telefono alcune ditte – che peraltro non conosciamo – ma non ci sarebbe stato cambiamento. Noi non dobbiamo fare cose per far vedere che siamo bravi ma dobbiamo fare cose che fanno bene alla città anche se i tempi sono un po’ più lunghi come prevede la legge. Anche se insieme ai complimenti ci prendiamo delle critiche. Noi siamo qui e ci mettiamo la faccia. Invito giornalisti ad andare in giro a vedere quello che inizia a funzionare”, ha concluso il sindaco.

Commenti
loading...