La Corea del Nord sta trasportando verso la costa occidentale un missile balistico intercontinentale. Merkel. L’Europa si faccia sentire

847

Agenpress –  “L’Europa ha una voce importante nel mondo, deve usarla”. Lo ha detto Angela Merkel parlando al Bundestag, e sottolineando che ci possa essere “solo una soluzione diplomatica e pacifica per la quale ci si deve impegnare con tutte le forze”.

Il fatto che si tratti di un’area geograficamente molto lontana non evita all’Europa di fare la sua parte nel conflitto nordcoreano.  I test della Corea del nord sono una “violazione flagrante” delle convenzioni, e Merkel ha ribadito che un rafforzamento delle sanzioni contro il paese è “urgentemente necessario”. La cancelliera ha ribadito il suo impegno nel mobilitare l’Europa per nuove sanzioni.

Intanto la Corea del Nord sta trasportando verso la costa occidentale un razzo che sembrerebbe essere un missile balistico intercontinentale (Icbm).

Le operazioni sarebbero iniziate ieri con lo spostamento in programma solo di notte per evitare la sorveglianza indiscreta dei satelliti spia. La circostanza non è stata confermata dai militari di Seul che, sempre ieri, hanno riferito però come Pyongyang sia in grado di lanciare un Icbm in qualsiasi momento. L’intelligence di Seul, Nis, ha invece messo in guardia – sempre ieri – dai rischi di un nuovo test nucleare, anche in questo caso possibile in ogni momento, e di lanci di altri missili balistici intercontinentali individuando il 9 settembre, anniversario della fondazione dello Stato, e il 10 ottobre, giorno della nascita del Partito dei Lavoratori, come date sensibili. In un’audizione parlamentare, l’agenzia ha chiarito che l’analisi su due dei 4 tunnel del sito atomico di Punggye-ri mostrano “che una detonazione è sempre possibile”.

Commenti
loading...