Custodia cautelare. Giovanardi: Aula discuta caso Sen. Caridi

0
698

Agenpress. “Denuncio un caso che mi sembra veramente incredibile. Così Il sen. Giovanardi intervenendo in Aula negli interventi di fine seduta rivolgendosi al presidente Grasso.

Nell’agosto dell’anno scorso la maggioranza ha autorizzato l’arresto del collega Antonio Caridi, accusato di concorso esterno in associazione mafiosa, ormai da sedici mesi in carcere, senza che la magistratura abbia ancora deciso se è legittimo che egli resti in carcere.

La Cassazione infatti, qualche mese fa, ha annullato con rinvio in Appello   la carcerazione in mancanza di indizi. La Corte d’Appello ha rimandato il provvedimento in Cassazione e una settimana fa la sesta sezione penale ha nuovamente annullato con rinvio l’ordinanza che aveva di nuovo confermato il provvedimento.

Noi giustamente esaltiamo la Resistenza, ed il ritorno alla democrazia. Ritengo, però, che la democrazia non possa permettere di tenere per sedici mesi in carcere una persona senza neanche decidere se ciò sia o meno legittimo prima ancora che ci sia stato un rinvio a giudizio.

Vorrei che l’Aula trovasse anche il momento per fare una riflessione sulla giustizia, visto che è stato il Senato ad autorizzare l’arresto, una giustizia che dopo sedici mesi non è stata ancora in grado di dire se l’arresto sia o meno legittimo. – Conclude così il senatore di Idea Popolo e Libertà.

Commenti