Firenze. DIA sequestra beni per oltre 4 mln di euro a persone indagate per evasione fiscale e riciclaggio

0
422

Agenpress – Il Centro Operativo D.I.A. di Firenze ha dato esecuzione ad un provvedimento, emesso dal locale Tribunale del Riesame, che ha disposto il sequestro di beni mobili e immobili, partecipazioni societarie e rapporti bancari (tra Firenze, Prato e Crotone), per un valore complessivo di oltre 4 milioni di euro, riferibili ai seguenti soggetti, tutti indagati in concorso per il reato di evasione fiscale e per quello di associazione per delinquere finalizzata al riciclaggio:

  • IUZZOLINO Giuseppe, nato a Strongoli (KR) il 26 aprile 1936 ed ivi residente;
  • BENINCASA Vincenzo, nato a Strongoli (KR) il 18 dicembre 1959 e residente a Montecatini Terme (PT);
  • GUERCIO Fiore, nato a Strongoli (KR) il 25 giugno 1960 ed ivi residente;
  • CASTIGLIONE Martino, nato a Strongoli (KR) il 19 giugno 1956 ed ivi residente;
  • ALDROVANDI Alfredo, nato a San Benedetto Val Di Sambro (BO) il 15 agosto 1937 e residente a Firenze (FI);
  • GUERCIO Luigi, nato a Cariati (CS) il 03 luglio 1989 e residente a STRONGOLI (KR).

Le indagini, coordinate dai Sostituti Procuratori Dr. Ettore Squillace Greco e Dr. Eligio Paolini e dirette dal Procuratore Capo Dr. Giuseppe Creazzo, hanno consentito di acclarare come IUZZOLINO Giuseppe, coadiuvato dagli altri indagati (ritenuti “prestanome”), abbia effettuato, nel tempo, ingenti investimenti societari e/o immobiliari a Firenze e Prato, pur in mancanza di una lecita capacità reddituale, ed inoltre di verificare l’esistenza di flussi di denaro verso la Calabria, in favore di appartenenti alla ‘ndrina “GIGLIO” di Strongoli.

Tra i beni sottoposti a sequestro spiccano alcuni noti locali di Firenze, tra cui il “Bar pasticceria CALDANA”, il “Bar pasticceria IL BARCO” e il “ristorante PIZZA MAN”, nonché immobili di pregio facenti parte del complesso edilizio IL TEATRO, sito nel quartiere “IL PINO” di Prato.

Commenti