Roma. Galleria Nazionale. Conferenza stampa “Lessons from the Past, Challenges for the Future”

0
757
Agenpress – La Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea ospita, martedì 2 febbraio 2018 alle ore 12.00, la conferenza stampa per la presentazione del grande lavoro di street art presso Via Folchi.

Interverranno, insieme agli artisti, il Soprintendente Speciale Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Roma Francesco Prosperetti, il Capo di Gabinetto del Mibact Tiziana Coccoluto, il direttore Generale dell’Ospedale L. Spallanzani Marta Branca e il curatore Matteo Colavolpe.

L’Ospedale Spallanzani compie 80 anni. Un ospedale che rappresenta una delle eccellenze della nostra ricerca ha raggiunto un traguardo considerevole e dimostra tutta la sua capacità di adattarsi al mondo scientifico attuale, alle esigenze di una società che sempre di più ha la necessità di essere “curata” e “protetta”. Ed è stata questa linea guida che ha permesso all’arte di entrare a pieno titolo nella città per far conoscere l’eccellenza dello Spallanzani e la sua storia.

Nasce dalla dirigenza dell’Inmi l’idea di un murales che offra a chi entra una visione moderna, gioiosa e piena di “futuro” e nello stesso tempo storicizzata delle malattie infettive facendo conoscere le scoperte che in questo campo sono state fatte dai padri fondatori della microbiologia. I volti di 13 scienziati e ricercatori e un messaggio “Lessons from the Past, Challenges for the Future”, per celebrare i grandi uomini che hanno scritto la storia della ricerca sulle malattie infettive e lanciare un messaggio di speranza verso il futuro. Andrea Marrapodi in arte Kiv per i fondi, Gregorio Pampinella per i volti e Daniele Tozzi per la parte calligrafica, hanno voluto creare una vera e propria Hall of Fame della scienza lungo i 270 metri del muro di cinta dell’Ospedale Spallanzani su via Folchi.

Un murales di 810 mq in cui i 3 artisti hanno messo assieme le loro forze e le diverse tecniche che li contraddistinguono (dall’uso di tinte allo spray, dall’illustrazione alla calligrafia) per creare una grande opera collettiva che ne celebra un’altra: la ricerca.

Con l’Hall of Fame della scienza, nell’ottantesimo anniversario della fondazione dell’Istituto Nazionale Malattie Infettive L. Spallanzani nonché in occasione della Giornata mondiale contro l’AIDS, Maddalena Santeroni e Graffiti Zero – chiamati dalla direzione dell’Istituto Lazzaro Spallanzani – hanno organizzato il lavoro che lo stesso Istituto aveva immaginato e fortemente voluto, per regalare alla città un importante murales dove i protagonisti della storia della ricerca diventano gli eroi e i protagonisti di una imponente opera pop. Generazioni a confronto quindi su un murales che vuole dialogare con quello che spaventa (la malattia) e quello che rassicura (la ricerca).

Commenti